Non è stato colpito con un pugno al naso il professore di Avellino che ha rimproverato l’alunno con il motorino

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Il naso fratturato al docente di Avellino per aver ripreso un alunno che girava con il motorino nel cortile sembrava un nuovo fatto di bullismo e invece le cose sono andate diversamente.

Intanto, stando alle ultime cronache, non ci sarebbe stata alcuna frattura del setto nasale con conseguente ricovero ospedaliero.

Anche la dinamica dei fatti potrebbe essere stata diversa da quella raccontata dalle testate che ora rettificano la notizia.

L’alunno, uno studente maggiorenne, non è entrato con lo scooter nel cortile della scuola come raccontato in un primo momento, ma ha solo eseguito manovre azzardate con il mezzo e il professore lo ha ripreso.

Qui però esiste una versione discordante fra i due soggetti. Secondo lo studente, il professore si sarebbe addirittura spinto a dare un ceffone al ragazzo che avrebbe risposto nello stesso modo.

Secondo il professore si sarebbe trattato solo di un buffetto sulla guancia, contraccambiato da un sonoro ceffone.

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione