Non è solo della scuola il dovere educativo, scuole devono essere trasformate in centri culturali. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

P​a​olo M. Pumilia – Sono un docente interssato al rapporto tra educazione e società. Ho letto l’articolo di Giancarlo Memmo

Quale sarebbe un programma politico che potrebbe rilanciare la scuola?

Mi piacerebbe che qualche persona autorevole con competenze politiche e sociali, ma al di fuori dei partiti, elaborassse delle linee guida per la trasformazione del sistema educativo, nei prossimi dieci-venti anni.
Ogni partito verrà poi valutato per quanto intende fare nella direzione indicata.
Qualcuno lo ha già tentatato?

​​Educazione per adolescenti e giovani

Queste le mie idee​ sparse, che potrebbro servire come inizio di discussione.​

Non è solo ​la ​’scuola’ nel senso tradizionale, ma, idealmente, l’intera comunità civile ha il dovere educativo. Ogni istituzione pubblica e privata che opera localmente ha il dovere di offrire la possibilità ad adolescenti e giovani di rendersi utili per la collettività

Le inziatiative di questo genere ​dovrebbero​ essere organizzate con il consiglio educativo locale, composto da docenti delle scuole statali e altri persone del posto, valutate per le loro capacità educative.

I consigli educativi locali ​dovrebbero ​ader​ire​ ad una organizzazione sovranazionale che ha il compito di sostenere i consiglii e dirimere le controversie

Le scuole devono essere trasformate in centri culturali per tutta la comunità civile​ e per le istituzioni locali.​

Le scuole non hanno più il ruolo di proteggere gli studenti nè i docenti hanno il ruolo di responsabili penalmente della incolumità di adolescenti e giovani .

I docenti organizzano le lezioni degli studenti in tempi e spazi che sceglieranno opportunamante, utilizzando registrazioni video, supporti informatici, spazi per l’incontro in persona, offerti dalle istitusioni locali e nelle aule scolastic​he​.

Per i genitori che richiedono una cura dei figli, saranno messi in opera spazi specifici, curati da personale specifico.

Che ne pensate?

Versione stampabile
anief anief
soloformazione