“Non bisogna tenere sempre le finestre aperte in classe”. Azzolina spiega l’aerazione al tempo del covid

Stampa

La Ministra Azzolina risponde in merito alla quesione areazione delle aule al tempo del covid invitando a non tenere sempre le finestre aperte

La Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina risponde alle domande che le sono state poste attraverso #LaMinistraRisponde, la rubrica periodica ideata dal Ministero per rispondere in modo diretto ai quesiti sulla scuola di studentesse, studenti, personale scolastico, genitori, cittadine e cittadini.

Per quanto riguarda l’aerazione dei locali scolastici, tema peraltro dibattuto proprio negli ultimi giorni, la Ministra invita a seguire le regole sancita dal Comitato Tecnico Scientifico: “L’aerazione dei locali è una delle regole per garantire l’areazione. Basta garantire un ricambio d’aria così come ha stabilito il Comitato Tecnico Scientifico. Non bisogna tenere sempre le finestre aperte“.

Azzolina: “Stanziati tanti fondi per aumentare connettività alle scuole. Segnalateci i problemi”

Azzolina: “Rientro a scuola sicuro se siamo responsabili durante le vacanze. Allungare il calendario scolastico? Decidono le Regioni”

A proposito di aerazione, ricordiamo che l’ex Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, punta alla sanificazione delle aule scolastiche: “Anche oggi, mi è arrivata l’ennesima lettera di genitori che si lamentano del fatto che i figli devono indossare in classe il giaccone (oltre alla mascherina) perché le nuove regole obbligano all’apertura delle finestre anche in pieno inverno ed i riscaldamenti, in genere, funzionano poco e male”.

Secondo Fioramonti bisogna dotare le classi di dispositivi ad hoc che vanno a rigenerare, sanificandola, l’aria, evitando quindi la fastidiosa apertura delle finestre nei mesi invernali: “Abbiamo speso centinaia di milioni per banchi che restano inutilizzati ed ora costringiamo gli studenti ad indossare la mascherina costantemente, e per di più al freddo”.

 

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora