Non basta riaprire le scuole per riportarle alla normalità. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Amelia Sparavigna – Azzolina appoggiata dal governo garantisce la riapertura delle scuole , io le auguro di riuscire in questa impresa. La mia scuola ha già chiuso e altre se ne aggiungeranno a breve.

Siamo tutti nella stessa barca. Siamo prigionieri di questo virus, non sarà facile per le famiglie, ma nemmeno per noi . Le nostre vite stanno cambiando , mi dispiace solo che da febbraio a oggi non sia stato fatto di più. I genitori devono lavorare soprattutto dopo il lungo periodo di chiusura, ma la scuola deve riprendere per altri motivi , non per sopperire a questa mancanza.

I fondi a questo punto andrebbero dati alle famiglie , per baby sitter o altri centri privati . La scuola è altro, la scuola deve formare i nostri figli, deve accompagnarli e guidarli nella crescita per avere uomini migliori. Chiedo scusa, ma da alcuni commenti che leggo mi sembra che ci sia un po’ di confusione, ed io dico la mia : la scuola non è un parcheggio, non può essere ostaggio della politica. Continuiamo ad avere classi pollaio , poche risorse umane , ma vogliamo ancora abbassare la testa e ignorare tutto questo? Cara ministra, lo so che non è facile , ma bisogna lavorare sodo per cercare di portare le scuole alla normalità .
Non basta assicurare la riapertura del 14 settembre, non sarebbe quella la soluzione.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur