Non abbiate paura…di niente e di nessuno. Inseguite i vostri sogni. Lettera di un pensionando ai suoi alunni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

LA MIA ULTIMA LEZIONE CON VOI -Lettera aperta agli studenti delle mie classi 1B, 1P, 2B, 3AU, 5AU, 5CI dell’ ITIS Fermi di Bassano del Grappa (ma anche a tutti quelli che ho avuto nella mia carriera ). 

Come sapete, questa è la mia ultima lezione con voi. Andrò in pensione. Prima di lasciarvi, qualche consiglio per voi, in cui raccontarvi le cose importanti che ho imparato nella mia vita, anche se so che nessuno è perfetto e quindi io stesso non sono un’ eccezione.

Alcuni dicono che i nonni sono saggi perché sono più vicini alla morte, questo è sicuramente vero e allora chiamiamoli “consigli di un nonno”. Ognuno di noi ha un ruolo in questa società ed è importante. Ricordatelo sempre , soprattutto nei momenti tristi che fatalmente arriveranno nella vostra vita. Non abbiate paura…di niente e di nessuno. Inseguite i vostri sogni, non fatevi scoraggiare dalle difficoltà o da quello che può pensare la gente. Troppe persone non fanno quello che vogliono e poi passano la vita a giudicare quello che fanno gli altri. Evitate quei pessimisti che vivono di “se” e di “ma”. Non fatevi condizionare. La cosa peggiore nella vita è guardare indietro e dire : “Avrei dovuto…Avrei potuto”. Siate ottimisti. Prendetevi dei rischi, fate degli errori . Tutti ne fanno, e non credete che ci siano eroi infallibili, non esistono.

Tutti gli esseri umani sono uguali. Alcune persone possono essere famose o avere un grande potere e per questo credono di essere superiori. Non credeteci. Hanno i vostri stessi dubbi, le stesse paure e le stesse fragilità, mangiano, bevono, dormono, e fanno anche loro le “puzzette” come tutti gli altri .

Meditate su ciò che volete fare nella vita, fate un elenco di tutto: viaggi in luoghi diversi, avere degli hobby, incontrare qualcuno di speciale, imparare le lingue straniere. Fate sempre alcune di queste cose . Non dite mai “Lo farò domani “. Non c’è un giorno “giusto” per iniziare qualcosa, ora è il momento giusto.

Date il giusto valore al denaro perché da solo, senza affetti, e onestà, non vi darà mai la vera felicità. Se avete un po’ di ricchezza materiale dai vostri genitori, non dissipatela, risparmiate qualcosa per i momenti del bisogno, ma siate altruisti, e se potete, fate beneficenza e non dite niente a nessuno.
Non unitevi a persone, o organizzazioni violente. La violenza è un male, porta solo odio. Tutte le guerre sono iniziate con dittatori malvagi che costringevano il loro popolo ad odiare altri popoli. Siamo tutti uguali, a nord, sud, est, ovest e il sangue è rosso per tutti. Rifiutate anche quei falsi amici che un giorno vi offriranno droga o quant’ altro dicendo che non fa niente provarla una sola volta. E’ successo anche a me. Ho detto semplicemente “no grazie” e ora ne sono orgoglioso.

Studiate, studiate e studiate. Leggete libri, il maggior numero che potete. Sono una meravigliosa fonte di gioia, saggezza e ispirazione. Vi fanno sognare, volare con l’ immaginazione.

Siate sinceri, dite la verità anche quando è scomoda, verrete premiati.
Viaggiate sempre ma soprattutto durante la vostra giovinezza. Non aspettate di avere abbastanza soldi o fino a quando tutto sarà organizzato perfettamente. Questo non succederà mai.

Scegliete la professione che amate. E per raggiungerla sappiate che la determinazione e la passione fanno la differenza. Un posto di lavoro deve essere una gioia, non lavorate solo per il denaro, ma metteteci passione.

Non arrabbiatevi per cose di poco conto, anzi non arrabbiatevi mai. Non serve, fa male a voi stessi e agli altri. Ogni volta che io in classe o nella vita ho urlato, ho fallito. Gioite invece per i piccoli (ma grandi) piaceri della vita, rappresentano la vera felicità.

Rispettate le altre persone per quello che sono ma anche rispetto per l’ ambiente; questo patrimonio non è nostro, è solo affidato temporaneamente alle nostre cure.

Siate grati al paese dove siete nati ma grati anche al paese dove siete cresciuti, che vi ha ospitato, il paese che vi ha dato la possibilità di studiare, di imparare, cioè l’ Italia. Non scordatelo mai perché esso vi ha fatto diventare quello che siete, cioè importanti. Abbracciate le persone che amate. Dite loro quanto sono importanti per voi ora, non aspettate che sia troppo tardi. Ora che Vi ho detto questo, sono felice; è la mia ultima lezione di Inglese , per sempre, per tutta la mia vita perché vado in pensione; è un po’ diversa lo ammetto, la chiamerei “lezione di vita”; non vi annoierò e disturberò più, siete grandi ormai. Mi ricorderò di voi sempre con benevolenza e vi auguro ogni bene per il vostro futuro.

prof. Ugo Giovanni Sandini

Versione stampabile
anief
soloformazione