NoiPA: tutte le info sul piccolo prestito. Quanto si può richiedere

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Piccolo prestito è un prestito a breve termine, rimborsabile attraverso un piano di ammortamento a rate costante. Le somme saranno trattenute dal cedolino dello stipendio del dipendente. 

Requisiti per richiedere il piccolo prestito

Il dipendente in servizio presso Amministrazioni statali o Enti locali può richiedere il piccolo prestito.

E’ necessario che l’amministrato richiedente sia iscritto alla “Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali” (“Fondo credito”), versando il relativo contributo mediante trattenuta in busta paga dell’aliquota dello 0,35%.

Anche il personale con contratto a tempo determinato può chiedere il piccolo prestito, ma solo per il periodo residuale fino alla scadenza del contratto di lavoro.

Quanto è possibile richiedere

È possibile richiedere importi pari alla singola mensilità, cioè a 1, 2, 3 o 4 mensilità nette di stipendio, rimborsabili rispettivamente in:

  • 12 rate (prestiti annuali);
  • 24 rate (prestiti biennali);
  • 36 rate (prestiti triennali);
  • 48 rate (prestiti quadriennali).

L’importo del prestito può essere anche richiesto in doppia mensilità (due mensilità nette di stipendio per ogni anno di ammortamento) fino ad un massimo di 8 mensilità restituibili in 48 mesi, purché non vi siano ulteriori trattenute stipendiali a carico dello stesso amministrato.

Le condizioni del prestito

All’importo del prestito erogato è prevista l’applicazione di un tasso di interesse nominale annuo pari al 4,25%, di un’aliquota dello 0,50% relativa alle spese di amministrazione e un premio fondo rischi applicato per fasce di età e di durata del prestito.

Self service per il piccolo prestito

Attraverso un self service presente nell’area riservata di NoiPA il dipendente può effettuare la richiesta.

Ricevuta la domanda, il sistema NoiPA integra i dati giuridici ed economici del dipendente e li trasmette ad INPS – Gestione ex INPDAP.

In seguito all’approvazione da parte di INPS, le procedure di accredito vengono avviate in automatico da NoiPA e l’importo del prestito viene versato direttamente sul conto corrente dell’amministrato

Per procedere ad effettuare la richiesta è necessario entrare nell’Area riservata del portale NoiPA e accedere al modulo per la compilazione della richiesta di prestito attraverso la funzione “-> Self service -> Piccolo prestito” .

Nel modulo saranno già presenti le informazioni relative allo stipendio certificate da NoiPA. Nel caso in cui si acceda all’area privata con codice fiscale e password o con SPID, per poter utilizzare e finalizzare l’operazione di invio di richiesta del piccolo prestito, è necessario essere in possesso del PIN identificativo. In caso di accesso con Carta Nazionale dei Servizi (CNS), invece, non è richiesto l’inserimento del PIN. Oltre a permettere la compilazione e la trasmissione della richiesta on-line, il self service Piccolo Prestito di NoiPA offre ulteriori funzionalità a beneficio dipendente.

Attraverso il self service è infatti possibile:

  • effettuare simulazioni di richiesta di piccolo prestito e di visualizzare i dati relativi alla simulazione, partendo dal quinto cedibile presente sull’ultimo cedolino di stipendio e pubblicato sul Portale;
  • presentare la domanda di piccolo prestito
  • monitorare lo stato di avanzamento della pratica e visualizzare l’esito della richiesta.

In quanto tempo si riceve la somma

Di norma Il tempo medio di durata dell’iter per l’erogazione del Piccolo Prestito è compreso tra i 45 giorni ed i 60 giorni.

Tutte le info aggiornate al 18/10/2018 sul portale NoIPA

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione