Noi insegnanti precari chiediamo snellimento delle procedure concorsuali, eliminazione di ogni restrizione e assunzioni di massa. Lettera

WhatsApp
Telegram

inviata da Piepoli Valeria- insegnante supplente sostegno in Economia aziendale A045, vorrei sapere quale sarebbe la novità introdotta con il decreto sostegni bis, che il concorso docenti si può tentare una sola volta e l’anno successivo no, si dovrebbe saltare e riprovare altro anno?

E’ incostituzionale questo vincolo, noi precari chiediamo la eliminazione. L’Italia e’ una Repubblica fondata sul lavoro la sovranità appartiene al popolo che la esercita recita la costituzione. Alla P. A. si accede per concorso, art 97 Costituzione, quindi e’ un diritto per noi precari contribuenti partecipare ai concorsi senza alcun vincolo.

Io ho lavorato in piena zona rossa al nord per il covid e ho anticipato tutte le spese di esistenza perché il contratto si bloccava, ho rinunciato a scendere in Puglia quando c’e’ stato l’esodo di massa per spirito di sevizio, per lavorare, benché si bloccassero i rapporti tra le regioni per lockdown, ho visto partire le terapie intensive e morire per miocardite fulminante i miei colleghi i loro corpi sono stati cremati e i loro cari non li hanno visti più.

Tanti sono gli sforzi e i sacrifici di anni di noi precari per portare avanti la scuola, e tanti sono i soldi spesi da noi in formazione, in corsi abbiamo il diritto per costituzione di partecipare ai concorsi senza limitazioni per trovare una occupazione stabile e di non essere fiaccati e stressati con ulteriori vincoli e restrizioni che sono ridicoli perché fuori dalla realtà. Chi li propone si rende conto di essere fuori dalla realta’.

Noi insegnanti precari chiediamo la eliminazione di ogni restrizione, alla partecipazione ai concorsi, lo snellimento delle procedure concorsuali e assunzioni di massa.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Scopri la nuova promozione natalizia: “Calendario dell’avvento”