Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Noi cittadini per un mondo sostenibile”: in un’UdA per il ciclo di base

WhatsApp
Telegram

La Giornata della Terra viene celebrata in tutto il mondo il 22 aprile di ogni anno per evidenziare gli attuali problemi ambientali. Questa data è stata scelta per commemorare il 22 aprile 1970, quando il senatore degli Stati Uniti Gaylord Nelson ha pronunciato un discorso fondamentale incoraggiando gli studenti a creare progetti di sensibilizzazione ambientale nelle loro comunità. Oggi si stima che più di un miliardo di persone partecipi alla Giornata della Terra in 190 diversi paesi. Questa giornata è quindi diventata l’evento ambientale più importante del pianeta. È quindi un’occasione per riflettere sul rapporto che abbiamo con la natura e sui problemi ambientali che devono essere affrontati attraverso le nostre azioni quotidiane.

La Terra e i suoi problemi

L’elenco dei problemi ambientali che affliggono il pianeta è purtroppo molto lungo. Il riscaldamento globale, conseguenza diretta dell’eccessiva quantità di gas serra immessi nell’atmosfera, è solo un’altra tragedia ecologica da attribuire alle attività umane. A questo si potrebbe aggiungere anche inquinamento atmosferico, desertificazione, inquinamento idrico, perdita di biodiversità, ecc. In particolare, possiamo puntare il dito contro il consumo eccessivo, l’industrializzazione, la capacità delle industrie per le leggi ambientali e l’azienda di alcune persone, aziende e questi disastri. In tale contesto, la Giornata della Terra ci ha invitato a vedere il futuro in modo positivo suggerendo di attivarci, immediatamente, per il bene della Terra e dei suoi abitanti.

Soluzioni per il nostro mondo

Nonostante l’entità delle attuali sfide ecologiche, è sempre possibile fare la nostra parte per il bene del nostro pianeta. La Giornata della Terra è l’occasione perfetta per conoscere le questioni ambientali e intraprendere azioni concrete per cambiare la situazione. Che si tratti di sensibilizzare o risparmiare energia, ognuno di noi ha un ruolo da svolgere. Utilizzare i trasporti pubblici e ridurre il volume dei rifiuti domestici generati sono altri modi per rendere la nostra vita quotidiana più ecologica. Non resta che ricordare che la tutela dell’ambiente è affare di tutti… nessuno escluso!

Giornata della Terra

Come ovunque nel mondo, l’Italia deve affrontare sfide gravi ambientali. Questo è il motivo per cui molti studenti del nostro Paese vengono coinvolti ogni anno nelle attività della Giornata della Terra.

Proposte ed azioni

Obiettivi al termine delle attività, lo studente sarà in grado di:

  • Esprimere la propria percezione del pianeta Terra (dall’angolo di propria scelta);
  • Identificare i problemi ambientali illustrati nelle immagini e proporre soluzioni;
  • Problemi di nome che minacciano il pianeta.

I biglietti verdi di penalità

Con la tua classe (se sei bravo puoi istituire il comitato verde della tua scuola), organizza un’attività di sensibilizzazione per gli automobilisti della tua comunità. Emetti biglietti verdi di penalità a chi lascia il motore del loro veicolo al minimo, anche se in sosta, o guidano un veicolo molto inquinante, per esempio che emette fumo nero. Non è difficile e lo si può fare nelle vicinanze della scuola.

Organizza una giornata “Green Box”.

Fai come fanno molte scuole e organizza una giornata “Green Box”. Invita il personale e gli studenti a portare solo il cibo e la quantità di cibo di cui avranno effettivamente bisogno per la merenda, all’aperto, durante la ricreazione per evitare sprechi. Inoltre, combatti contro il sovraimballaggio chiedendo ai tuoi alunni di portare cibi sfusi per evitare di dover sprecare plastica o imballi in alluminio.

L’impronta ecologica

Sai qual è l’impronta ecologica? Espressa in ettari all’anno e per persona, l’impronta ecologica è la porzione di Terra necessaria per soddisfare i nostri bisogni (cibo, alloggio, trasporti) e assorbire i rifiuti che generiamo. Calcola la tua impronta ecologica e misura l’impatto delle tue abitudini di consumo sul pianeta!

Parliamo della Terra

Dedica qualche minuto a riflettere con i tuoi studenti sulla parola “Terra”. Cosa significa per loro? Dovranno scrivere nella cosa sta succedendo loro testa e costruire il loro diagramma. La loro visione può essere scientifica, artistica o persino politica! Parliamo della Terra!

Cosa c’è che non va?

Discuti con gli studenti delle possibili ragioni per una giornata annuale della Terra. Mostra agli studenti n’immagine di spazzatura che per terra. Chiedi agli studenti cosa c’è che non va in questa foto. Chi rifiuti che abbia buttato via questi Come può? Cosa si potrebbe fare per evitare questa situazione e incoraggiare le persone a gettare i propri rifiuti nei cassonetti piuttosto che la strada pubblica. Questo vale anche per i corpi idrici. Mostra una foto anche in questo caso. La riflessione potrebbe essere inquadrata utilizzando questa domanda “Cosa c’è che non va nelle immagini?” “. Metti gli studenti in gruppi per rispondere. Come complemento, ogni gruppo potrebbe creare un poster su uno dei problemi legati all’inquinamento, ad esempio sui rifiuti gettati ovunque, sul piccolo riciclaggio, ecc. Quindi questi attacca i poster ottenuti in giro per la scuola! Puoi anche guardare dei video sui seguenti argomenti:

  • Gestione dei rifiuti
  • Inquinamento atmosferico
  • Inquinamento idrico
  • Riciclaggio
  • Preservare l’ambiente.

I pericoli che minacciano la Terra

In gruppi di due o tre, gli studenti partecipano a riflettere sui pericoli che minacciano la Terra e individuare, in particolare, dieci pericoli. Per ogni pericolo, rispettate le loro scelte e spiegate come sia un pericolo per la Terra. Ogni squadra presenterà quindi le proprie risposte. Quindi invita gli studenti a parlarne ad altre classi. Confronta con le risposte datate e inizia un’intera discussione in classe sui pericoli per la Terra.

Noi cittadini per un mondo sostenibile per tutto il ciclo di base

L’UdA “Noi cittadini per un mondo sostenibile”, destinata ad alunni di Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado, è stata elaborata dagli eccellenti docenti dell’Istituto Comprensivo “Federico II di Svevia” di Mascalucia diretto dal dirigente scolastico professoressa Dott.ssa Giuseppina Consoli. Si legge nella premessa “L’UDA trasversale di quest’anno intende promuovere quanto contenuto nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e quanto esplicitato tra le finalità delle “Indicazioni Nazionali e nuovi scenari”. L’agenda 2030 è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU che mirano all’apprendimento concreto prendersi cura di se stessi, degli altri e dell’ambiente in forme di cooperazione e di solidarietà Essa ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile – Sustainable Development Goals, SDGs – in un grande programma d’azione per un totale di 169 ‘target’ o traguardi che rappresentano obiettivi comuni su un insieme di questioni importanti per lo sviluppo: la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame e il contrasto al cambiamento climatico, ‘Obiettivi comuni’ che riguardano tutti i Paesi e tutti gli individui”.

UDA trasversale-noi-cittadini-un-mondo-sostenibile

WhatsApp
Telegram

Perché scegliere il Corso di Preparazione al Concorso per Dirigente scolastico di Eurosofia?