Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

No tax area come funziona: si applica anche a chi ha redditi superiori a 8 mila euro?

Stampa

No tax area è il nome non tecnico che si da alla soglia di redditi per la quale non sono dovute tasse. Per i lavoratori dipendenti tale limite è individuato in 8145 euro annui, per il pensionati in 8130 euro annui e per il lavoratori autonomi in 4800 euro annui.

Ma no tax area non significa “non dover pagare le tasse” ma semplicemente imposta non dovuta.

Cerchiamo di capire la differenza e anche come questa soglia agisce rispondendo alla domanda di un nostro lettore che scrive:

Buongiorno,

gradirei un chiarimento la no tax area si applica anche per coloro che percepiscono un reddito superiore a 8000.00€ ovvero l’irpef va corrisposta solo sulla parte eccedente o sull’intera somma percepita? Grazie

No tax area

E’ bene chiarire che non si tratta di una esenzione dal pagamento delle tasse ma solo del risutato che si ottiene applicando alle tasse dovute le detrazioni spettanti per lavoro dipendente, pensione o lavoro autonomo.

Se si prende, ad esempio, una famiglia monoreddito con 2 genitori e e due figli la no tax area è di circa 16mila euro. Si tratta, quindi, della soglia  entro la quale l’imposta dovuta è azzerata dalle detrazioni spettanti.

Le tasse, quindi, non sono dovute entro la no tax area perchè vengono azzerate dalle detrazioni spettanti.

Facciamo un esempio pratico: per redditi fino a 8000 euro le detrazioni spettanti sono di 1880 euro, sugli stessi 8000euro l’IRPEF (al 23%) dovuta è di 1840 euro. Di fatto, quindi, le imposte dovute sono pari a zero.

Le detrazioni spettanti, poi, diminuiscono al crescere del redditi e, quindi, per redditi più alti di 8000 euro sono inferiori.

Per redditi superiori a 8000 euro e fino a 28mila euro, le detrazioni si calcolano seguendo la formula 978+902x(28000- reddito complessivo)/20000.

Supponiamo che un lavoratore abbia un reddito di 20mila euro. Le detrazioni spettanti sono pari a:

978+902x(28000- 20000)/20000 = 1338 euro. L’imposta dovuta sui 14000 euro è di 3220 euro meno le detrazioni, ovvero 1882 euro annui.

Per capire, quindi, come opera la no tax area, non bisogna parlare di Irpef sulla parte eccedente o pensare che sui primi 8mila euro l’IRPEF non venga applicata. Bisogna ricordare che l’IRPEF è una imposta progressiva che sale al crescere del reddito e che quella dello scaglione successivo si applica solo sulla parte eccedente lo scaglione precedente.

L’IRPEF dovuta per redditi compresi tra 0 e 15000 euro è pari al 23% a cui, poi, togliere le detrazioni spettanti che sono piene (1880) solo fino alla soglia degli 8000 euro e diminuiscono per redditi superiori. Applicando, quindi, le detrazioni spettanti, per i lavoratori dipendenti l’IRPEF non è dovuta fino a 8145 euro di reddito ( visto che l’importa su 8145 euro è di 1873 euro pari alle detrazioni spettanti).

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata