No discriminazione Gae infanzia. 23.000 docenti dimenticate dalla Buona Scuola

Stampa

GAE Infanzia, 23.000 dimenticate dalla "Buona Scuola", non sono poche.

GAE Infanzia, 23.000 dimenticate dalla "Buona Scuola", non sono poche.

Farebbero paura, potrebbero costituire un esercito, lo siamo. Un esercito, nel senso preciso del termine, è un'organizzazione gerarchica fondata sulla disciplina e l'obbedienza agli ordini e noi gli ordini li abbiamo sempre eseguiti. Abbiamo portato avanti la Scuola Pubblica Statale, per anni,lo abbiamo fatto superando concorsi pubblici, studiando e formandoci per essere aggiornate. Abbiamo acquisito esperienza sul campo, la stessa che in generale si cerca in fase di assunzioni e che rappresenta una grande risorsa per un datore di lavoro, dando potenzialità.

Eppure ci hanno dimenticate. Lo hanno fatto in nome del progetto 0-6,“istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni”, che in definitiva si può riassumere nella frase di Sofoche "Piuttosto che avere successo con l'inganno, fallisci con l'onore".

Di fatto non ci sono risorse, di fatto ci avete beffato in nome di qualcosa che avrebbe portato indietro di anni la Scuola Pubblica Statale, già sofferente e in agonia.Si parla e si inneggia all'eccellenza, ma bisogna anche prendere coscienza della realtà.

Avete offeso la nostra professionalità e non vi curate del nostro futuro, nascondendovi dietro a giustificazioni che non reggono, come ad esempio il nostro diritto inviolabile alle assunzioni, ma non vi ponete il problema del quando.

Potremmo usare l'arma pietosa e commovente delle nostre storie personali, ma si potrebbe cadere nel patetico e non è edificante per chi è fortificato dal sacrificio ,dall'orgoglio. Come un esercito, subiamo tutti i santi giorni attacchi da tutti i fronti,constatiamo prese di posizioni da parte di politici e/o giornalisti, per altre categorie a loro dire più meritevoli (?) e con priorità assoluta. La priorità, ora, siamo solo noi.

Non vi ponete il problema di riparare in qualche maniera al vostro errore, in virtù del fatto che noi abbiamo gli stessi diritti di chi è stato assunto con modalità straordinaria. Vi dirò che siamo stanche di tutto questo e credo che questo esercito umiliato e allo sbando, ha preso finalmente coscienza della propria situazione e combatterà compatto, senza armi ma con gli scudi. in nome della dignità.

No discriminazione Gae infanzia # ComitatoTutelaDocentiPrecariGa EInfanzia

Stampa

“App-prendo insieme per una rete sicura” è il nuovo progetto di Eurosofia a cura del Prof. Francesco Pira. Il 4 febbraio segui la diretta