No compiti a casa? Ministro: prima devo mettere le scuole in condizione di non assegnarli, altrimenti danno per studenti

Stampa

Ieri il Ministro Fedeli è intervenuto presso l’agenzia AGI per affrontare alcune tematiche legate al suo mandato. Tra gli argomenti affrontati, quello dei compiti per casa.

Compiti per casa sì o no? Il Ministro, qualche giorno fa si era sbilanciato, proponendo una soluzione che puntasse ad una riduzione dei compiti per casa.

Affermazioni che avevano fatto borbottare alcuni docenti e per cui il Ministro ha ritenuto di dover spiegare le sue parole.

“I ragazzi – spiega la Fedeli – mi hanno posto il quesito, ho detto che mi sembrava giusto, ma la condizione è che nelle scuole si facessero programmi e attività che servissero a non caricare ulteriormente a casa di compiti i ragazzi.”

“Io vorrei ragionarci, – continua – devo anche far mettere le scuole nella condizione di non far svolgere i compiti a casa, altrimenti rischio di fare un danno agli studenti. Cosa che non intendo fare.”

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!