No alla Buona Scuola senza ATA. Emendamenti al DDL Scuola

di redazione
ipsef

La voce di protesta di un gruppo di ATA arriva in Parlamento. Accolta dall'On. Nicola Ciracì la loro proposta di emendamenti al DDL Scuola

La voce di protesta di un gruppo di ATA arriva in Parlamento. Accolta dall'On. Nicola Ciracì la loro proposta di emendamenti al DDL Scuola

La voce di un gruppo di ATA, indipendenti e che autonomamente hanno realizzato una proposta di emendamenti al DdL, presentato alla Camera dei Deputati il 27/03/15 (N. 2994) su "La Buona Scuola", arriva in commissione cultura del Parlamento grazie all'Onorevole Nicola Ciracì (FI- PDL) che l'ha sposata in toto condividendone le motivazioni.

Il gruppo di ATA, capeggiato dal Direttore SGA Agata Scarafilo, non si è voluto caratterizzare solo per la protesta, ma è stato capace di realizzare, immediatamente dopo la consegna da parte del Governo del DdL in Parlamento, una proposta, che si allega, condivisa e sottoscritta da numerosi ATA (DSGA, Assistenti Amministrativi, Tecnici e Collaboratori Scolastici).

Il gruppo, indipendente da ogni organismo ufficiale, è stato il primo a muoversi con un movimento che, partendo dagli ATA per gli ATA, non ha avuto l'intento di porre in essere solo sterili critiche, ma di provare, in uno Stato democratico, ad essere propositivi e protagonisti di un cambiamento teso ad una considerazione della categoria che necessariamente passa attraverso la loro valorizzazione.

Oltre alla raccolta delle firme, il gruppo di ATA, che è partito in Puglia ma sta coinvolgendo il personale di tutta l'Italia, ha dato vita, anche, ad una petizione on-line dal titolo "NO ALLA BUONA SCUOLA SENZA ATA" al solo fine di sensibilizzare l'opinione pubblica e creare l'interesse sulla tematica.

"Al momento -afferma Agata Scarafilo- non posso che essere grata all'on. Nicola Ciracì, l'unico parlamentare, che fino ad ora, ha ascoltato la nostra voce. Il gruppo non si arrende e sta provando anche a coinvolgere e sensibilizzare altri gruppi parlamentari, a cui ha inoltrato la proposta, al fine di arrivare all'ulteriore passo che è quello della discussione in aula. Preciso che il nostro progetto non ha la pretesa di essere perfetto, ma i fatti stanno dimostrando che è sicuramente una proposta degna di attenzione in considerazione altresì del dato che, solo a posteriori del nostro movimento, alcuni organismi ufficiali hanno preso posizioni in tal senso richiamando, quasi di pari passo, le medesime criticità da noi anzitempo evidenziate" .

Il personale ATA è consapevole che i ruoli e le competenze sono indubbiamente distinti, ma è conscio, anche, che gli obiettivi di una scuola devono essere necessariamente condivisi da tutto il personale che vi lavora.
Infatti, è solo attraverso il coinvolgimento motivante di tutte le figure professionali, unitamente alla correttezza e alla trasparenza delle procedure contabili ed amministrative, che la Scuola, nel suo insieme, potrà raggiungere risultati positivi e trasformarsi, se già non lo era, in una “Buona Scuola”.

Gruppo Ata per gli ATA

La proposta è stata discussa in un incontro chiarificatore.

Il video

Testo di proposta di emendamento a cura del Direttore SGA – Dott.ssa AGATA SCARAFILO

Emendamento On. Nicola Ciracì

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione