“No al piano estate, più fondi per l’ammodernamento delle scuole”. Le richieste degli studenti al governo

Stampa

Non sono affatto convinti della utilità dei corsi estivi (il cd Piano estate) e chiedono fondi per il rinnovo e l’ammodernamento degli istituti scolastici, sia dal punto strutturale che didattico, al fine di ”migliorare le strutture o creare di nuove, migliorare i laboratori e le esperienze extrascolastiche”; ”cambiare le scuole e renderle più vivibili”, ”rendere più sicuri i mezzi di trasporto, aumentandoli e sanificandoli di più”.

Questo è quanto emerge dall’indagine online ‘Ora parliamo noi’ – 5.713 giovani ascoltati tra aprile e maggio di
quest’anno – promossa da Cittadinanzattiva, con il sostegno non condizionato di Assosalute-Federchimica, e rivolta direttamente a ragazzi dai 14 ai 19 anni o attraverso le scuole con cui Cittadinanzattiva collabora.

Ai professori e ai dirigenti, spiega Cittadinanzattiva, chiedono che la didattica sia ripensata perché hanno subito lo stress delle eccessive verifiche ed interrogazioni nelle settimane in cui erano in presenza. Per il nuovo anno chiedono modalità e spazio per dare ascolto e considerazione ai loro bisogni e per riuscire a formalizzare il vissuto di questi 16 mesi e ristabilire una relazione significativa con i propri docenti e compagni.

E sulla didattica a distanza, che tanti hanno mal sopportato ma della quale molti altri hanno intravisto gli aspetti positivi, chiedono corsi di formazione per i docenti, possibilità di alternare i gruppi a distanza e in presenza in modo da non perdere i contatti con l’intera classe, dispositivi adeguati per tutti (in comodato d’uso o attraverso bonus per l’acquisto).

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur