No ai compiti per Natale solo se si legge di più. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Inviato da Mario Bocola – L’invito del Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti è quello di assegnare meno compiti per le vacanze natalizie e venire incontro alle famiglie che trascorrono poco tempo con i figli.

Sarebbe, invece, il caso per gli studenti di consigliare loro, in vista del periodo della pausa natalizia, la lettura di romanzi, libri, giornali e quant’altro possa servire per potenziare le abilità di lettura.

È questo l’unico esercizio da far svolgere agli alunni che devono essere intervallati da momenti di svago, di gioco. Con la lettura, infatti, si potenzia anche il lessico, si apprendono nuovi vocaboli, si impara a leggere più speditamente e si allena la mente.

Gli studenti debbono leggere di tutto, assaporare la lettura di qualsiasi cosa capiti sotto i loro occhi e colpisca la loro attenzione e la loro curiosità. La curiosità di leggere e, quindi, di conoscere rende più appetibile l’esercizio della lettura.

Non serve a nulla assegnare agli studenti tanti compiti per le vacanze perché alla fine soltanto gli studenti più diligenti e volenterosi li avranno eseguiti, mentre la maggior parte li avrà snobbati in modo sia parziale che totale.

Sarebbe, invece, molto conveniente, fare un ripasso generale nei primi giorni di scuola per cercare di colmare le lacune pregresse e rinfrescare le conoscenze apprese durante l’anno scolastico precedente. Quindi per Natale una forte iniezione di lettura di libri, giornali, opuscoli, fumetti e tutto ciò che può suscitare l’interesse e la curiosità degli studenti.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito