No a sale giochi vicino a scuole, lo dice il Tar

WhatsApp
Telegram

Il Tar della Toscana ha dato ragione al Comune di Prato, che aveva emanato un’ordinanza per chiudere una videolottery perché troppo vicina ad una scuola elementare e a un asilo.

Il tribunale amministrativo ha rigettato il ricorso dei proprietari della sala da gioco che si trova a soli 250 metri da una scuola per l’infanzia ed è vicina a una scuola primaria. Da qui la decisione di disporre “il divieto di prosecuzione immediato dell’attività di raccolta scommesse e commercializzazione dei giochi pubblici”.

Il Comune di Prato ha già chiuso una sala videolottery applicando la normativa regionale e ottenendo ragione al Tar nel giugno 2015, quando fu chiusa una videolottery perché troppo vicina a un liceo scientifico.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur