Niente mascherine in classe se tutti vaccinati, Ministero già al lavoro. Fonti: “Previsto nel decreto legge del 6 agosto”. Ma è polemica, rischio emarginazione

Stampa

La possibilità togliere la mascherina nelle classi composte da studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale è prevista dal decreto legge varato dal governo lo scorso 6 agosto con le misure urgenti per l’avvio del nuovo anno scolastico. È quanto ricordano fonti del Ministero dell’Istruzione.

Le stesse fonti chiariscono che, insieme al Ministero della Salute, tenuto conto anche degli aspetti legati alla privacy, si sta ora lavorando per l’attuazione di questa novità che non vuole assolutamente creare discriminazioni, quanto piuttosto consentire un progressivo ritorno alla normalità all’interno delle aule in corrispondenza dell’avanzamento del piano vaccinale.

La precisazione giunge a seguito delle polemiche esplose a seguito della conferenza stampa svoltasi nella giornata di ieri durante la quale il Ministro Bianchi ha affermato tale possibilità.

Dopo le sue parole molte sono state le critiche.

L’ANP ha parlato chiaramente di rischio emarginazione

“Nelle classi ci sarà sempre qualcuno di non vaccinato. E questo creerà una situazione di disagio, con il rischio di emarginazione da parte dei ragazzi che vorrebbero levare la mascherina”. Così il presidente dell’Anp (l’Associazione Nazionale Presidi), Antonello Giannelli, dopo l’annuncio dei ministro Speranza e Bianchi della possibilità ti abbassare le mascherine nelle classi in cui tutti gli studenti sono vaccinati. “Si pensi, per esempio, se in una classe di 25 studenti c’è solo uno senza vaccino – sottolinea all’ANSA -, come si sentirà questo ragazzo?”

Granato (Alternativa c’è): “Si corre il rischio che gli alunni non vaccinati vengano bullizzati”

“Se tutti in classe saranno vaccinati – ha scritto su Facebook la senatrice Bianca Laura Granato – allora i ragazzi potranno togliersi le mascherine”, ovviamente sapendo bene che i bambini o i ragazzi non vaccinati saranno così ignobilmente bullizzati al punto da pregare i genitori perché li facciano vaccinare. Sistema di carota e bastone analogo a quello che hanno utilizzato per portare alla vaccinazione i giovani tra i 20 e i 40 anni, solo che qui si tratta di minori, soggetti privi di capacità giuridica, fragili. Siamo arrivati ormai al capolinea!”

Per i genitori di Pro Vita & Famiglia meglio puntare sui sistemi di aerazione e tamponi salivari

Niente mascherine all’interno delle aule scolastiche, ma solo se tutti gli alunni sono vaccinati? È inaccettabile l’idea di scuola del Ministro Bianchi. Ha pensato il ministro a quello che potrebbe subire un ragazzo non vaccinato?”

Il Ministro aveva promesso niente discriminazione. Siamo stanchi di una politica fatta sulla pelle dei nostri figli. Sistemi di aerazione e tamponi salivari sono la ricetta semplice per rientrare in classe in presenza in serenità”, ha concluso così il vicepresidente di Pro Vita e Famiglia onlus, Jacopo Coghe.

Il sottosegretario Floridia frena

“Non credo possa entrare in vigore nell’immediato perché sono necessarie ulteriori valutazioni e va sempre considerato l’andamento dei contagi. Facciamo partire l’anno scolastico in presenza e successivamente ne valuteremo la fattibilità”, spiega.

 

Critiche su Facebook

Fabrizio, ad esempio, afferma: “Trovo davvero molto pericolosa questa affermazione. Primo perché vaccinato non vuol dire che non possa contagiarsi e contagiare. Quindi nel caso di un alunno positivo in classe (seppur vaccinato) potrebbero contagiarsi diversi compagni e/o prof. Secondo perché per togliere le mascherine bisognerebbe sapere che i ragazzi sono tutti vaccinati. E come si fa a saperlo?”

Giuseppina, da canto suo: “Una piccola domanda, ma molto seria. Perché al tavolo della conferenza stampa, dove sono tutti adulti e vaccinati, tengono le mascherine indossate? Perché, invece, nelle aule scolastiche ancora affollate, con giovani assolutamente molto mobili, se si é vaccinati, le mascherine possono essere tolte? Il contagio si propaga anche tra i vaccinati. E questo risulta tutti i giorni dai conteggi. Parlo da vaccinata col green pass, tanto per chiarire”.

Giuseppe: “Perché quando vi riunite intorno ai tavoli, visto che siete tutti vaccinati, non state senza mascherina? Perché non fate una bella foto di gruppo mostrando il vostro sorriso rassicurante? O forse questo discorso vale solo dentro le aule scolastiche?”

Sonia: Se entro in un negozio devo tenere la mascherina anche se sono vaccinata, ma a scuola il Covid non entra

Perplessità sullo stop alle mascherine sono state sollevate anche dal movimento dei genitori, dall’associazione Pro Vita & Famiglia onlus.

C’è anche la questione privacy

Secondo quanto riportato dall’ANSA, Istruzione e Salute, “tenuto conto anche degli aspetti legati alla privacy, stanno ora lavorando per l’attuazione di questa novità che non vuole assolutamente creare discriminazioni, quanto piuttosto consentire un progressivo ritorno alla normalità all’interno delle aule in corrispondenza dell’avanzamento del piano vaccinale”

DECRETO LEGGE [PDF]

Parere tecnico Ministero Istruzione

Green pass docenti ed ATA, controllo informatizzato dal 13 settembre, prima con APP. Ecco come funzionerà, nota Ministero [PDF]

Green pass obbligatorio docenti e ATA, per chi non può vaccinarsi possibile il certificato di esenzione. Ecco come ottenerlo

Organico Covid, 33 mila unità in meno rispetto allo scorso anno: 20 mila docenti e 22 mila ATA. Supplenze da graduatorie di istituto

Green pass obbligatorio, sanzione da 400 a 1000 euro a docenti e ATA sprovvisti

Green pass scuola, dirigente può delegare controllo certificazione. Bisogna verificare con una App prima di entrare in classe

Rientro a scuola: green pass per docenti e Ata, mascherina, distanziamento, aerazione, orari scaglionati: le info utili [LO SPECIALE]

La previsione è contenuta nel decreto del 6 agosto

In realtà, come già precisato dalla nostra redazione, non si tratta di una trovata dell’ultim’ora dei Ministri Bianchi e Speranza: si tratta di una previsione contenuta nel decreto Green pass del 6 agosto: “E’ fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai sei anni, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, per i soggetti impegnati nelle attività sportive“. Tuttavia, “le linee guida possono derogare all’obbligo di mascherina se alle attività partecipano solo studenti vaccinati o guariti“.

Niente mascherina in classe se sono tutti vaccinati, Meloni polemica: “Bianchi ci riporterà alla Dad”. Anche gli scienziati invitano alla prudenza

Niente mascherine se tutti in classe vaccinati, Floridia frena: “Non entrerà subito in vigore, in seguito valuteremo fattibilità

Via la mascherina nelle classi in cui tutti gli studenti sono vaccinati, Sasso: “Tante criticità da correggere”

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione