Niente commenti politici per gli insegnanti? C’è chi dice sì: “Il ruolo dovrebbe prevedere l’astensione”

WhatsApp
Telegram

Niente commenti politici per gli insegnanti? C’è chi dice sì. La politica, si sa, infiamma il popolo soprattutto in questo periodo tra green pass ed elezioni amministrative. Un docente o un preside può commentare liberamente su Facebook? Sì, ma occorre fare attenzione.

Per l’esponente della Lega, Vanessa Cattoi, “il ruolo dell’insegnante dovrebbe prevedere l’astensione dal commento politico”. 

Nel 2018 alcuni docenti scissero all’allora ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti: “Riteniamo necessario che, sul tema della libertà d’insegnamento, si sviluppi un grande dibattito nel Paese, che vada oltre i confini degli addetti ai lavori”.

Per il gruppo di insegnanti “il ruolo sociale della scuola e di chi ci lavora è fondamentale, a partire dal dettato costituzionale, per la difesa e la piena attuazione della democrazia. Per questo, ogni giorno, nelle aule dove siamo chiamati a svolgere il nostro compito di educatrici ed educatori delle generazioni più giovani, terremo sempre presente il valore della libertà di pensiero e d’insegnamento, affinché le ragazze e i ragazzi italiani, non solo per nascita, imparino a comprendere e a riaffermare in tutti gli atti della loro vita questi valori”. 

Se la scuola è un laboratorio permanente di cittadinanza, è legittimo tirarci indietro quando gli studenti, anche i più giovani, ci domandano come la pensiamo in politica?

Recentemente il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, ha chiesto agli insegnanti di parlare dell’assalto di alcuni facinorosi alla sede della Cgil a Roma. Non sono mancati su questa uscita dell’esponente politico commenti di diverso tenere.

Possiamo davvero continuare a non portare la politica nelle nostre aule? Non è dovere primario di un docente informarsi su ciò che succede nei palazzi del potere e porgerlo, digerito e filtrato dal suo buon senso e dalla sua sensibilità, anche alle orecchie dei più giovani? Interrogativi a cui è davvero difficile dare una risposta inequivocabile.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO