Niente cellulari e tablet ai bambini? L’esperto: “I divieti non servono. Bisogna educare i genitori”

WhatsApp
Telegram

“Non ha senso aspettarsi che imposizioni di questo tipo vengano rispettate: i ragazzi ti fregano in un attimo. A che cosa è servito vietare il fumo sotto i 18 anni? Le proibizioni chiamano trasgressioni e l’adolescente deve imparare a trasgredire senza farsi male. E poi un cellulare non è cocaina, il mio non è un invito a drogare le nuove generazioni ma a prenderle per mano”.

Lo ha detto lo psichiatra Federico Tonioni, esperto in dipendenze da Internet, nel corso di un’intervista a Quotidiano Nazionale.

Il telefonino nuoce ai bambini quando diventa baby sitter. Quando li tiene buoni al ristorante o in un lungo viaggio in macchina, dove nessuno ha più voglia di cantare. E’ sui genitori che bisogna intervenire”.

Chi nega il cellulare al figlio per la prima comunione lo esclude dalla chat di classe su whatsapp e questo non lo aiuta – osserva l’esperto – . Il suo uso ha cambiato il profilo cognitivo, questo sì. Oggi i bambini parlano in ritardo, danno la precedenza alle immagini rispetto alle parole. Si chiama evoluzione“.

Tutto questo, secondo Tonioni, “ci ha colti impreparati: eravamo abituati a un matrimoniale mentre il tempo digitale è letto a castello, sovrappone eventi. Noi invece restiamo piantati nel Medioevo a suonare Fra’ Martino con il flauto, a insegnare latino alle medie: danno enorme perché di una noia mortale, detto da chi ha fatto il classico. Il furore diagnostico sui disturbi di apprendimento colpevolizza tablet e affini, mentre è urgente indirizzare la conoscenza proprio verso i device digitali. I musei già lo fanno“.

I ragazzi fanno un uso del cellulare molto più saggio di noi. A casa sono le mie figlie a dirmi di smetterla. Loro hanno il coraggio di spegnerlo, io no perché quando ci provo mi sento invisibile. Ci vogliono delle regole, che però hanno senso solo dentro una trattativa. Vuoi il cellulare a 4 anni? Lo guardiamo insieme. Diamo loro la possibilità di barare, di fregarci“, conclude.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri