Neoimmessi: docenti fase C dicembre 2015 ridotti giorni di servizio, docenti anno prova altro territorio

Stampa

L'USR Abruzzo ha emanato dei chiarimenti relativamente ai docenti neoassunti per quanto riguarda la fase C, la maternità e docenti che svolgono anno di prova in altro territorio.

L'USR Abruzzo ha emanato dei chiarimenti relativamente ai docenti neoassunti per quanto riguarda la fase C, la maternità e docenti che svolgono anno di prova in altro territorio.

Ecco i chiarimenti

Fermo restando l’obbligo delle 50 ore di formazione previste, appare opportuno che i 180 giorni di servizio ed i 120 di attività didattica vengano  proporzionalmente ridotti per i neoassunti della fase C che l’Amministrazione ha immesso in ruolo a Dicembre 2015, anche sula base dei recenti chiarimenti pervenuti dall’Ufficio VI della D.G. per il personale scolastico.

Le docenti che si trovano nelle condizioni di cui agli artt. 16 e 17 del D.lgs 151/2001 non possono essere adibite al lavoro o a qualsiasi altra attività organizzata dall’amministrazione di appartenenza, compresi i corsi di formazione, laboratori formativi etc. Si aggiunge ancora che, considerata l’innovativa struttura del periodo di formazione e di prova, che prevede una stretta correlazione tra l’attività di formazione e l’attività didattica non è possibile completare la formazione prescindendo dall’attività lavorativa, così come previsto dal DM 850/2015 e dalla CM 36167 del 5.11.2015.

Qualora il docente neoassunto rientri nel caso di cui al punto 3, si fa presente che la valutazione del periodo di prova e di formazione deve essere curata dall’istituzione scolastica in cui il docente presta effettivo servizio. La stessa istituzione scolastica provvederà a trasmettere tutta la documentazione al Dirigente dell’istituzione scolastica di titolarità giuridica del docente interessato, che provvederà all’emissione del provvedimento di conferma in ruolo.

La nota dell USR

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur