Neoassunti, periodo di formazione e prova: portfolio professionale, patto per lo sviluppo formativo e bilancio di competenze finale integrato nei bisogni formativi futuri. Scarica questionario

WhatsApp
Telegram

L’art. 1, comma 115 della Legge 107/2015 stabilisce che «il personale docente ed educativo è sottoposto al periodo di formazione e di prova, il cui positivo superamento determina l’effettiva immissione in ruolo». Il successivo D.M. 850 del 27 ottobre 2015 definisce gli obiettivi, le modalità di valutazione del grado di raggiungimento degli stessi, le attività formative e i criteri per la valutazione del personale docente ed educativo in periodo di formazione e di prova, ai sensi dell’art. 1, comma 118, della citata Legge.

Ogni anno il M.I. emana una Nota in cui richiama il modello formativo ministeriale, oramai consolidato, e puntualizza le caratteristiche salienti delle attività formative:

  • approccio metodologico laboratoriale verso didattica frontale trasmissiva;
  • osservazione in classe (peer to peer), da strutturare mediante apposita strumentazione operativa, con il supporto del tutor;
  • rielaborazione professionale, mediante gli strumenti disponibili su piattaforma INDIRE.

Normativa di riferimento

Leggi e decreti del M.I.

  • Legge 107 del 13 luglio 2015, art. 1, commi 115-120 e 124. Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti.
  • D.M. 850 del 27 ottobre 2015. Obiettivi, modalità di valutazione del grado di raggiungimento degli stessi, attività formative e criteri per la valutazione del personale docente ed educativo in periodo di formazione e di prova, ai sensi dell’articolo 1, comma 118, della legge 13 luglio 2015, n.107.

Note del Ministero dell’Istruzione

  • Nota M.I. prot. n. 30345 del 4 ottobre 2021. Periodo di formazione e prova per i docenti neoassunti e per i docenti che hanno ottenuto il passaggio di ruolo. Attività formative per l’a.s. 2021-2022.
  • Nota M.I. prot. n. 28730 del 21 settembre 2020. Periodo di formazione e prova per i docenti neoassunti e per i docenti che hanno ottenuto il passaggio di ruolo. Attività formative per l’a.s. 2020-2021.
  • Nota MIUR prot. n. 51650 del 27 dicembre 2019. Indicazioni preliminari sulle azioni di accompagnamento all’Anno di Formazione e Prova Neoassunti 2019/2020.
  • Nota MIUR prot. n. 39533 del 4 settembre 2019. Periodo di formazione e prova per i docenti neo-assunti e per i docenti che hanno ottenuto il passaggio di ruolo. Attività formative per l’a.s. 2019-2020.
  • Nota MIUR prot. n. 50912 del 19 novembre 2018. Indicazioni e ripartizione fondi per le iniziative formative relative alla III annualità, Piano nazionale di formazione docenti, nonché per la formazione docenti neoassunti a.s. 2018-2019 e la formazione sui temi dell’inclusione a.s. 2018-2019.
  • Nota MIUR prot. n. 35085 del 2 agosto 2018. Periodo di formazione e di prova per i docenti neo-assunti. Indicazioni per la progettazione delle attività formative per l’a.s. 2018-2019.
  • Nota MIUR prot. n. 47777 dell’8 novembre 2017. Indicazioni e ripartizione fondi per le iniziative formative relative alla II annualità Piano di formazione docenti, nonché per la formazione docenti neoassunti a.s.2017-2018 e la formazione sui temi dell’Inclusione a.s. 2017-2018.
  • Nota MIUR prot. n. 33989 del 2 agosto 2017. Periodo di formazione e di prova per i docenti neo-assunti. Orientamenti preliminari per la progettazione delle attività formative per l’a.s. 2017-2018.
  • Nota MIUR prot. n. 36167 del 5 novembre 2015. Periodo di formazione e di prova per i docenti neo-assunti. Primi orientamenti operativi.

Il Portfolio Professionale

Si tratta – come sottolinea l’Ufficio Scolastico per il Veneto Ufficio Formazione del Personale – di uno strumento di documentazione di ciascuna delle attività svolte e di approfondite e personali riflessioni su ciascuno dei processi attivati, elaborato online su piattaforma INDIRE.

È costituito da una significativa molteplicità di sezioni che, a seguire, vengono riportate.

Una descrizione del proprio Curriculum formativo, costituito dalle esperienze formative più significative, che hanno particolarmente inciso sulla crescita professionale del docente/educatore (eventi – anche informali – che maggiormente hanno aiutato ad apprendere, a trasformare le visioni sui problemi, sulle situazioni, sulle persone; esperienze che hanno maggiormente influenzato l’essere insegnante – l’essere educatore):

  • da compilarsi all’inizio dell’anno scolastico, all’avvio del periodo di prova, come attività propedeutica all’elaborazione del bilancio di competenze iniziale;
  • nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE, sono disponibili le indicazioni per la compilazione.

L’elaborazione di un Bilancio di competenze iniziale

L’elaborazione di un Bilancio di competenze iniziale – come sottolinea l’Ufficio Scolastico per il Veneto Ufficio Formazione del Personale – da redigere in forma di autovalutazione delle competenze non possedute, delle competenze da potenziare e di quelle note, in cui ci si ritiene esperti:

  • la predisposizione impegna il docente/educatore neoassunto con la collaborazione e il sostegno del docente tutor;
  • va redatto entro il secondo mese dalla presa di servizio (entro il 31 ottobre); nelle more dell’apertura della piattaforma INDIRE (prevista entro ottobre), si suggerisce di predisporre il bilancio di competenze in forma cartacea nei tempi previsti dalla normativa, consegnandone copia al Dirigente Scolastico, che provvederà ad allegarlo al fascicolo personale del docente/educatore;
  • nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE, sono disponibili modello e indicazioni per la compilazione.

La documentazione dei laboratori formativi, in presenza e/o a distanza

La documentazione dei laboratori formativi, in presenza e/o a distanza, o del visiting a scuole innovative:

  • l’attività va svolta a seguito dell’azione formativa;
  • nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE, sono disponibili le indicazioni per la compilazione.

La documentazione di una attività didattica

La documentazione di una attività didattica, preferibilmente coincidente con quella progettata in collaborazione con il tutor e oggetto del peer to peer, e che costituisca approfondimento di quanto appreso nei laboratori formativi frequentati o nelle visite alle scuole innovative:

  • da effettuare in corso d’anno;
  • nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE, sono disponibili le indicazioni per la compilazione.

L’elaborazione di un bilancio di competenze finale integrato nei bisogni formativi futuri

La produzione del Portfolio professionale attesta l’avvenuta effettuazione delle 20 ore di attività formativa online su piattaforma INDIRE.

Il Portfolio professionale è oggetto di discussione di fronte al Comitato di valutazione e sostituisce l’elaborazione di ogni altra relazione.

Il Comitato di valutazione e il parere sul superamento del periodo

Il Comitato di valutazione – come sottolinea l’Ufficio Scolastico per il Veneto Ufficio Formazione del Personale – è convocato dal Dirigente Scolastico per procedere all’espressione del parere sul superamento del periodo di formazione e di prova. La convocazione avviene al termine dell’anno di formazione e prova, nel periodo intercorrente tra il termine delle attività didattiche – compresi gli esami di qualifica e di Stato – e la conclusione dell’anno scolastico (D.M. 850/2015, art. 13, c. 1).

A tal fine, il Portfolio professionale va consegnato preliminarmente al Dirigente Scolastico, che lo trasmette al Comitato di valutazione almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio (D.M. 850/2015, art. 13, c. 2).

Il patto per lo sviluppo formativo

Il Patto formativo professionale è uno strumento che, a partire dal Bilancio di competenze iniziale, definisce gli obiettivi di sviluppo delle competenze di natura culturale, disciplinare, didattico-metodologica e relazionale, da raggiungere anche attraverso le attività formative connesse al periodo di formazione e prova.

Rappresenta il punto di incontro fra le esigenze delle nuove professionalità in ingresso e il piano per la formazione docenti a livello di istituto.

Va redatto con il Dirigente Scolastico, sentito il docente tutor e tenuto conto dei bisogni della scuola.

Si può redigere il documento utilizzando uno dei modelli disponibili nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE.

Il bilancio di competenze finale integrato nei bisogni formativi futuri

L’attività consente al docente/educatore, in periodo di formazione e prova, di esprimere considerazioni personali sull’evoluzione delle proprie competenze, alla luce di quanto indicato nel Bilancio iniziale, e di informare il posizionamento dei propri Bisogni Formativi Futuri.

L’attività è composta da due sezioni:

  • Il Bilancio finale
  • I Bisogni formativi futuri.

L’attività – come sottolinea l’Ufficio Scolastico per il Veneto Ufficio Formazione del Personale – è finalizzata alla delineazione dei punti di forza e di debolezza da potenziare e all’elaborazione di un progetto di formazione in servizio coerente con la diagnosi compiuta.

La sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE

Nella sezione «Toolkit docenti», della piattaforma INDIRE, sono disponibili le indicazioni per la compilazione. Il questionario che si allega, promosso dall’Indire e dalla Direzione Generale Personale Scolastico del Ministero dell’Istruzione riguarda l’”Anno di formazione e prova per docenti neoassunti e docenti con passaggio di ruolo” relativo all’Anno scolastico 2020/21. Si presume a funzionamento totale della piattaforma sia riconfermato non essendo praticamente mutato nulla, almeno apparentemente. Il questionario, diviso in tre segmenti prevede: Osservazione peer to peer, Attività in presenza e/o online, Attività online.

Questionario docenti neo immessi

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA