Neoassunti, Indire: consultabile il percorso annuale FIT e il bilancio iniziale delle competenze: esempio di bilancio

WhatsApp
Telegram

Sul sito Indire è online il portale per il supporto all’anno di formazione e prova per i docenti neoassunti, con passaggio di ruolo e per docenti in percorso annuale FIT nell’a.s. 2021-22. A partire dalla data di apertura, posta in evidenza sul sito Indire o e anche tramite i social, i docenti neoassunti, potranno entrare all’ambiente online utilizzando quelle che rappresentano le loro credenziali SPID o SIDI. Se si vuole, dalla homepage dell’ambiente di formazione, per detti docenti è già possibile entrare alla sezione chiamata “Toolkit” per visionare bilanci, questionari e alcuni materiali già utilizzati negli anni precedenti e molto utili per la formazione.

Si può, inoltre, accedere alla sezione FAQ per l’assistenza online, e alla sezione “In evidenza dalle Reti Indire” consacrata a Movimenti e Piattaforme sostenute dall’Istituto Indire che possono rinforzare i docenti in quello che si caratterizza come il processo garante dello sviluppo di competenze trasversali.

L’ambiente dedicato ai tutor disponibile dalla primavera

Come ogni anno, l’ambiente online dedicato ai tutor sarà disponibile a partire dalla primavera 2022, ma prossimamente saranno messi a disposizione nella sezione Toolkit strumenti e documenti utili anche per l’osservazione peer to peer.

Il Bilancio iniziale delle competenze che devono redigere i docenti neoassunti e in formazione ha, per come è stato concepito e per come egregiamente indica INDIRE nell’apposito documento predisposto dal titolo “Percorso annuale FIT”, una per così dire doppia valenza, cioè nello specifico:

  • informare sulle competenze proprie della professionalità del docente;
  • favorire la riflessione su queste competenze;
  • individuare i propri punti di forza o, al contrario, di debolezza, in un processo di auto-valutazione;
  • Le domande guida che accompagnano ogni descrittore di competenza hanno la funzione di chiarirne il significato.

Elaborazione accurata del “Bilanci delle competenze” nel contesto del percorso annuale FIT

Un’elaborazione accurata dei Bilanci consente al docente di:

  • auto-valutare le proprie competenze;
  • individuare elementi sui quali far convergere l’attenzione del tutor;
  • conoscere le dimensioni della professionalità docente emerse dalla ricerca internazionale.

Il carattere non valutativo

Si fa presente che il Bilancio iniziale delle competenze (predisposto da INDIRE) dei docenti neo immessi in ruolo e in formazione (che si allega all’articolo) non ha la pretesa di avere o di assurgere a documento con carattere valutativo, bensì è stato così concepito per fornire un supporto concreto al docente in un individuale processo di auto-valutazione.

Quale procedura adottare per completare il Bilancio iniziale

La struttura del documento prevede che per ciascun ambito si provveda a selezionare fino ad un massimo di 3 descrittori di competenza e di progettare, in maniera accurata, un testo di 3.000 battute ivi inclusi gli eventuali spazi, per motivare le ragioni della tua scelta e il livello di competenza percepito.

I descrittori delle competenze previsti dall’INDIRE, in collaborazione con la direzione generale Personale scolastico del ministero dell’Istruzione, sui quali sono invitati a riflettere i docenti sono stati pensati unitariamente. Anche se, sono previste leggere differenziazioni, per così dire, tra quelli predisposti per i docenti impegnati su posti comuni e quelli impegnati su posti di sostegno. Quando il format non prevede specifiche allora i descrittori usati sono rivolti a tutti i docenti.

La previsione di domande guida

Le domande guida predisposti dall’istituto Indire che accompagnano ciascuno di quelli che definiamo descrittori di competenza sono da intendersi e devono essere utilizzati esclusivamente per chiarire il contesto, il significato ma anche la stessa particolare e ben dettagliata articolazione della competenza corrispettiva, oltre che a rappresentare una possibile traccia per quello che potrebbe essere il testo da realizzare alla fine di ciascuno degli ambiti.

Criteri e descrittori

Avendo più descrittori di competenze avremo e dovremo considerare più criteri. Nello specifico dobbiamo avere le seguenti competenze:

  • competenze non possedute che, però, si ritengono importanti e si vorrebbero acquisire;
  • competenze note, ma di cui si vorrebbero approfondire alcuni aspetti;
  • competenze che si ritiene di possedere a un livello adeguato o nelle quali ci si percepisce come esperti.

Struttura del Bilancio iniziale delle competenze

Come precedentemente accennato il “Bilancio iniziale delle competenze” è strutturato in tre diverse aree.

Ciascuna delle aree è a stata divisa in 3 ambiti, per un totale, dunque, di 9 diversi ambiti.

Le dimensioni generative

Aree e ambiti rappresentano “le dimensioni generative” delle competenze che il docente fa vivere nella loro compiutezza e profondità e narra nella quotidianità, talvolta avventurosa, della dimensione dell’insegnamento.

Ciascuno di questi ambiti raccoglie difatti un numero mutevole di competenze (quelli che sono definiti come descrittori di competenza). La descrizione di ogni competenza è stata ricavata dalla letteratura scientifica nazionale ed internazionale sia in ambito pedagogico che educativo e aggiustata su quello che è il nostro contesto di riferimento ovvero il contesto italiano. Ciò anche in virtù e per gli effetti del seguente corredo normativo: TU 297/1994; CCNL 2006-2009; DM 850/2015; Legge 107/2015.

Area delle competenze relative all’insegnamento (Didattica)

  • Organizzare situazioni di apprendimento;
  • Osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo;
  • Coinvolgere gli allievi nel processo di apprendimento.

Area delle competenze relative alla partecipazione alla vita della propria scuola (Organizzazione)

  • Lavorare in gruppo tra docenti;
  • Partecipare alla gestione della scuola;
  • Informare e coinvolgere i genitori.

Area delle competenze relative alla propria formazione (Professionalità)

  • Affrontare i doveri e i problemi etici della professione
  • Servirsi delle nuove tecnologie per le attività progettuali, organizzative e formative
  • Curare la propria formazione continua

Bilancio iniziale delle competenze

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur