Neoassunti fase C. Giorni utili, compreso rientro nel giorno libero, per arrivare ai 120 di attività didattiche

Di Lalla
Stampa

Chiarimenti ed orientamenti dell'USR Molise per permettere ai docenti neoassunti in fase C di raggiungere i 120 giorni di attività didattiche utili per il superamento dell'anno di prova, in base alle disposizioni del dm 850 del 27 ottobre 2015 e della circolare 5 novembre 2015.

Chiarimenti ed orientamenti dell'USR Molise per permettere ai docenti neoassunti in fase C di raggiungere i 120 giorni di attività didattiche utili per il superamento dell'anno di prova, in base alle disposizioni del dm 850 del 27 ottobre 2015 e della circolare 5 novembre 2015.

I 120 giorni di attività didattiche

1) Sono computati come giorni utili al raggiungimento dei 120 per le attività didattiche i giorni nei quali i Docenti siano regolarmente in servizio nella sede / plesso a disposizione della scuola nell’orario stabilito pur non svolgendo attività didattiche in classe o altra attività ?

R. Dal confronto dei commi 2 e 3 dell’art. 3 DM 850/2015 è desumibile che non sono computabili nei 120 giorni per le attività didattiche i giorni festivi, di congedo ordinario , straordinario e di aspettativa a qualunque titolo fruiti. Si computano i giorni effettivi di insegnamento/lezione e ogni altra attività finalizzata al migliore svolgimento della complessiva azione didattica con riferimento precipuo al POF e al Piano Annuale delle Attività. Il periodo di formazione e prova è un diritto/dovere del Docente; spetta , pertanto, all’Istituzione Scolastica, nella sua autonomia organizzativa e didattica, predisporre un piano programmatico per rendere effettivo il diritto alla formazione.

3) Il giorno libero settimanale rientra nel computo dei 120 giorni per le attività didattiche?

R. L’articolo 3 del DM 850/2015 prevede che il superamento del periodo di formazione e prova è subordinato allo svolgimento del servizio effettivamente prestato, computabili nei 180 giorni i periodi di sospensione delle lezioni e delle attività didattiche, comprendente nei 120 giorni sia i giorni effettivi di insegnamento sia i giorni impiegati presso la sede di servizio per ogni altra attività.

Nei 180 giorni del servizio effettivamente prestato è compreso anche quello relativo alle interruzioni delle attività , giorni festivi compresi.

Per i 120 giorni potrebbe essere compreso, pertanto, il giorno libero come giorno effettivo di lezione/insegnamento tenuto nell’Istituzione Scolastica.

Mantenendo una interpretazione restrittiva ed escludendo, pertanto, il giorno libero del Docente dal computo dei 120 giorni, sarà cura dell’Istituzione Scolastica calendarizzare i rientri a Scuola durante il giorno libero, mediante un’opportuna condivisione tra i diversi soggetti e sulle attività in itinere da espletare, al fine di favorire il raggiungimento dei giorni necessari alla conclusione del periodo di prova.

Il documento dell'USR Molise

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur