Neo dirigenti scolastici con la valigia, si confida in una mobilità straordinaria: “Sarebbe una sconfitta”. Lettera

Stampa
ex

Inviato da Alessandro Del Rosso – Buongiorno, ho letto il vs. articolo al riguardo, questa la mia opinione.

Sicuramente il bando prevedeva una mobilità nazionale, ma è anche vero che, forse ingenuamente, io e magari qualche altro collega, pensavamo che finalmente il nuovo contratto dei DS, riconoscesse adeguata dignità a tale funzione, con un adeguamento, almeno, al livello retributivo di TUTTI gli altri dirigenti dello stato.
Così non è stato.

Il misero aumento medio, netto mensile in busta di circa € 200,00, tanto sbandierato da tutti i sindacati come un successo, rappresenta l’ennesima conferma della pochezza in cui si tiene il mondo della scuola, considerando che un qualunque altro dirigente dirigente dello Stato percepisce, mediamente, almeno € 800-1000,00/mese netti (più eventuali buoni pasto..).

Nel mio caso, pensavo che lo “scomodo” di dover fare le valigie sarebbe stato compensato, almeno in parte, dal vagheggiato aumento retributivo.

La mia età, quasi 57 anni, mi induce anche ad altre riflessioni.

Il meccanismo concorsuale non é stato finalizzato ad una valorizzazione dei docenti vicari. Questi ultimi, o coloro che come me hanno svolto tale funzione per molto tempo, sicuramente non hanno potuto prepararsi adeguatamente al concorso, visti gli adempimenti quotidiani che necessitano di una presenza a scuola di almeno 40 ore/settimana.

Inoltre, per ovvi motivi, spesso i docenti con più esperienza, sono i più avanti negli anni e sono quindi anche quelli per i quali l’attuale stipendio (da docente) differirebbe di poco da quello da DS, con l’aggravante di costi da trasferimento.

Ultimo ma non meno importante, molti colleghi vincitori del concorso e futuri neo DS già confidano in una mobilità straordinaria (per un riavvicinamento alla propria regione), eccezionalità che purtroppo spesso contraddistingue l’azione della PA, pasticciona e confusionaria, completamente digiuna di conoscenze di organizzazione aziendale e gestione e motivazione del personale.

Questo aspetto rappresenta forse la peggiore sconfitta, ideale, della procedura di reclutamento, che in teoria avrebbe dovuto selezionare Dirigenti dello Stato orgogliosi e fieri di portare e diffondere la loro competenza sul territorio nazionale, e invece produrrà una ondata di emigranti con valigia di cartone firmata “dirigente scolastico”.

cordiali saluti da un docente in posizione utile

Concorso Dirigenti Scolastici, alcuni vincitori preparano le valigie. Algoritmo era previsto, a metà

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!