Nelle scuole della Valle d’Aosta mascherina alzata anche in posizione statica: “Intensificheremo anche la didattica mista”

Stampa

Gli alunni delle scuole superiori della Valle d’Aosta dovranno indossare la mascherina anche “in posizione statica”, cioè quando sono seduti al banco, se l’indice di contagio Rt regionale supera 1,5.

Questa è una delle indicazioni, con decorrenza da lunedì prossimo, che saranno trasmesse a tutti i dirigenti scolastici emersa oggi, ad Aosta, in una vertice cui hanno partecipato il presidente della Regione, Renzo Testolin, la sovrintende agli studi, Marina Fey, il direttore della protezione civile regionale, Pio Porretta e le autorità sanitarie regionali.

Dal monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore della Sanità, relativo al periodo fra il 5 e l’11 ottobre, emerge che la regione alpina ha l’indice di contagio di 1,53, il più alto in Italia.

“Ci sarà un giusto equilibrio tra la didattica a distanza e la didattica in presenza. Potranno esserci momenti in cui metà classe è in presenza e l’altra a distanza, a settimane alterne”, continua l’assessore facendo il punto sulla situazione della scuola valdostana dove “tra gli alunni ci sono 73 contagiati su 17.000 e tra i docenti 24 contagiati su 2.500”.

“Stiamo tracciando delle linee di indirizzo per gli istituti scolastici – ha aggiunto – per trovare soluzioni che possano alleggerire la popolazione all’interno delle scuole, che consentano una migliore gestione degli spazi e che attivino in contemporanea momenti di didattica a distanza e momenti di didattica in presenza. L’invito è di coniugare le esigenze di alleggerire il carico del numero degli studenti nelle scuole con quello di continuare la didattica in presenza, il tutto con un giusto equilibrio e con attenzione al contenimento della diffusione del virus. Soprattutto in certe fasce di età come le scuole superiori”

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia