Nel DNA è scritta la voglia di studiare

di Giulia Boffa
ipsef

Red – La rivista scientifica "Science" ha pubblicato un  maxistudio internazionale che ha individuato le “radici genetiche” della predisposizione a studiare.

Red – La rivista scientifica "Science" ha pubblicato un  maxistudio internazionale che ha individuato le “radici genetiche” della predisposizione a studiare.

Lo studio è stato condotto dal consorzio Social Science Genetic Association Consortium (SSGAC), che include ricercatori di mezzo mondo. Questi hanno analizzato i DNA,“diviso” per anni e titoli di studio conseguiti, di oltre 125mila individui, un campione senza precedenti per dimensioni, e rintracciate alcune varianti genetiche collegabili ai conseguimenti accademici intesi come gli anni di studio e la conquista di un diploma di laurea.

Lo studio di tali varianti geniche potrebbe mettere sulla via della scoperta di geni legati ad apprendimento, memoria e disturbi dell’apprendimento.

Versione stampabile
anief
soloformazione