Nel 2013 Italia decurta investimenti sull’istruzione dell’1,2%

di redazione
ipsef

red – L’agenzia Eurydice ha pubblicato un dossier sugli investimenti nell’istruzione da parte dei paesi europei. Pochi gli stati che hanno disinvestito sulla scuola. Per molti, invece, non si hanno dati certi.

red – L’agenzia Eurydice ha pubblicato un dossier sugli investimenti nell’istruzione da parte dei paesi europei. Pochi gli stati che hanno disinvestito sulla scuola. Per molti, invece, non si hanno dati certi.

Il paragone effettuato è tra il 2013 e il 2012. Il trend riscontrato è di un aumento generalizzato di investimenti di oltre l’1%. Mentre una diminuzione può essere registrata in paesi come Irlanda, Croazia, Cipro (-15,8%), Malta, Regno Unito – Inghilterra, Italia (-1,2%), Finlandia

 In generale, i tagli hanno riguardato soprattutto il numero di insegnanti e gli investimenti in infrastrutture e ICT (attrezzature e software ).

In Croazia, il budget per l’istruzione è diminuito di circa il 4 %. Una percentuale analoga di riduzione si è verificato nel Regno Unito (Inghilterra )

A Malta e in Finlandia, il budget per l’istruzione è diminuita di quasi il 3 % . A Malta, è diminuito principalmente a causa di un calo di capitali investiti per CITE 4 e CITE 5-6 . Il motivo principale alla base di questo è stato il completamento nel 2012 di una serie di progetti che sono stati co-finanziati attraverso i Fondi strutturali europei.

In Finlandia, i motivi principali della diminuzione sono la sospensione di ulteriori finanziamenti per la costruzione di scuole, la riduzione generale delle spese e alcune diminuzioni temporanee di ulteriori e speciali interventi per la formazione professionale.

Rispetto al 2012, il più grande aumento in bilancio dell’istruzione avvenuto in Belgio (Comunità tedesca ) (circa il 27 %) a seguito di investimenti di recupero degli edifici scolastici e la costruzione di otto nuovi istituti, nel quadro di un progetto di partenariato pubblico-privato.

In Turchia si riscontra un aumento del budget per l’istruzione di circa il 19 %, verificato a seguito di investimenti in nuove scuole, un aumento del numero di studenti e insegnanti, aumento degli stipendi del personale di istruzione e, infine, un aumento del budget stanziato per i servizi per la
formazione e l’orientamento.

In Islanda, l’aumento del budget per l’istruzione di quasi il 9 % ed è legato all’aumento dei costi e l’aumento del numero di studenti.

In Romania, l’aumento è del 6 % e si è verificato principalmente per effetto degli investimenti in infrastrutture scolastiche, l’introduzione di borse di studio per studenti in formazione professionale, l’aumento dei costi assistenziali e costi per Esame dei docenti a livello nazionale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione