Negli Usa un giudice boccia la richiesta dei genitori di esentare i figli dalle lezioni Lgbtq

WhatsApp
Telegram

Una decisione della Corte d’Appello Federale degli Stati Uniti ha respinto la richiesta di un gruppo di genitori del Maryland di esentare i propri figli dalle lezioni scolastiche incentrate sul “materiale inclusivo Lgbtq”.

Questo verdetto è stato riportato dalla stampa negli Stati Uniti, con particolare enfasi sul fatto che la richiesta è stata respinta da un collegio di tre giudici della Corte d’Appello del quarto circuito, anche se il parere non è stato unanime.

Secondo la sentenza, i genitori non hanno fornito prove sufficienti per dimostrare come i programmi scolastici del distretto della Contea di Montgomery abbiano violato le loro libertà religiose e di espressione. I genitori avevano sostenuto che l’inclusione di materiale Lgbtq nei programmi scolastici andasse contro le loro “sincere convinzioni religiose riguardanti il matrimonio, la sessualità umana e il genere“.

Il verdetto della corte riflette una decisione chiara e contestata su una questione delicata. Mentre alcuni genitori cercavano di escludere i loro figli da queste lezioni in base a motivazioni religiose, la corte ha respinto tale richiesta in assenza di prove di violazione delle loro libertà fondamentali da parte del distretto scolastico.

L’argomento della diversità di genere e orientamento sessuale nelle scuole è stato al centro di accesi dibattiti in molte comunità negli Stati Uniti, evidenziando la tensione tra valori religiosi e principi educativi progressisti.

La sentenza mette in luce la complessità di bilanciare diritti individuali e valori comunitari nell’ambito dell’istruzione. Per ora, la Corte d’Appello ha deciso a favore della continuità dei programmi inclusivi Lgbtq nella contea di Montgomery, sostenendo l’importanza della diversità e della comprensione nelle aule scolastiche.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri