Navigator, il posto che piace ai siciliani e ai laureati in giurisprudenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A competere per 3.000 posti da navigator sono 16.773 persone. Il bilancio è provvisorio e potrebbe ancora salire.

Lo ha riportato l’agenzia AdnKronos sui dati alle 2 della notte del 23 aprile pubblicati dall’Anpal, l’agenzia delle politiche attive del lavoro.

Il navigator è la figura professionale, una sorta di consulente del lavoro, che assunto a tempo determinato dovrà aiutare i beneficiari del reddito di cittadinanza a trovare un’occupazione a tempo indeterminato, avvalendosi dei centri territoriali per l’impiego, cioè i vecchi uffici di collocamento.

Per ottenere il posto da navigator è necessario partecipare alla selezione, inoltrando una domanda entro le ore 12 dell’8 maggio prossimo sul sito http://selezionenavigator.anpalservizi.it. La piattaforma è realizzata in collaborazione con l’Inps e si accede con il Pin Inps, lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e il Cns (Carta Nazionale dei Servizi).

Al momento della candidatura va indicato espressamente il luogo (provincia) dove si intende svolgere l’incarico.

Fra i requisiti richiesti, ci sono alcuni tipi di laurea del vecchio ordinamento oppure magistrali del nuovo ordinamento. I titoli richiesti sono in materie economiche e giuridiche, come già indicato in questo articolo.

Le lauree più ricorrenti fra gli attuali candidati sono soprattutto quelle di giurisprudenza (5.781), mentre – stando a quanto riferito dall’agenzia Kronos – la regione dove il posto di navigator è più conteso è la Sicilia con 2.477 candidati. Seguono la Campania (2.475), il Lazio con 2.236 candidature, Puglia (2.004) e Calabria (1.497).

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione