Naddeo: “Smartworking nella Pa è un’opportunità, ma serve riorganizzazione per valorizzare personale e garantire servizi efficaci”

WhatsApp
Telegram

“Le amministrazioni pubbliche hanno l’opportunità di puntare su un vero smartworking, che però richiede una riorganizzazione. È impensabile e controproducente pensare di calare dall’alto lo smartworking con interventi legislativi su organizzazioni pensate e strutturate per il lavoro in presenza”.

Così Antonio Naddeo, presidente Aran-Agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pa, intervenendo questa mattina al convegno “Lavoro agile come strumento di innovazione nella Pubblica Amministrazione”, organizzato dall’Università di Milano-Bicocca.

Poi aggiunge: “Con la fine dell’emergenza pandemica, le amministrazioni devono guardare al lavoro agile come a uno strumento organizzativo utile all’innovazione tecnologica, ma soprattutto in grado di migliorare l’efficienza e di conseguenza i servizi che si forniscono ai cittadini e alle imprese. Un cambiamento che ha grandi potenzialità”.

E ancora: “Per questo, i contratti nazionali che abbiamo sottoscritto quest’anno hanno per la prima volta regolamentato lo smartworking, individuando due tipologie per le Pa: il ‘lavoro agile’ in senso stretto – senza vincolo di orario e di postazione – e il ‘lavoro da remoto’, con vincolo di orario e di luogo. La riconfigurazione dei modelli organizzativi consente di puntare finalmente su nuove e urgenti competenze professionali, promuovendo una nuova cultura del lavoro pubblico con al centro le persone. I nuovi contratti guardano finalmente anche in questa direzione, introducendo nuovi meccanismi di premialità e di valorizzazione delle risorse umane. Senza queste innovazioni la Pa è destinata a vivacchiare, non attraendo quella forza lavoro giovane, portatrice di linfa nuova, che rappresenta il futuro non solo della Pubblica amministrazione, ma del nostro Paese”. 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur