Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Musei, ti presento un’opera. Esempio di Unità di Apprendimento

WhatsApp
Telegram

Ogni anno dal 1977, l’ICOM organizza la Giornata internazionale dei musei, che rappresenta un momento unico per la comunità museale internazionale. L’obiettivo della Giornata internazionale dei musei (IMD) è quello di sensibilizzare sul fatto che “i musei sono un importante mezzo di scambio culturale, arricchimento delle culture e sviluppo della comprensione reciproca, cooperazione e pace tra i popoli”.

Organizzati il ​​18 maggio di ogni anno o intorno a questa data, gli eventi e le attività in programma per celebrare la Giornata internazionale dei musei possono durare un giorno, un fine settimana o un’intera settimana. L’IMD è stato celebrato per la prima volta 40 anni fa. In tutto il mondo, sempre più musei partecipano alla Giornata internazionale dei musei. L’anno scorso, più di 37.000 musei hanno partecipato all’evento in circa 158 paesi e territori.

“Il futuro dei musei: recuperare e reinventare”

Con il tema ” Il futuro dei musei: recuperare e reinventare “, la Giornata internazionale dei musei 2021 invita i musei, i loro professionisti e le comunità a creare, immaginare e condividere nuove pratiche di (co) creazione di valore, nuovi modelli di business per istituzioni culturali e soluzioni per le sfide sociali, economiche e ambientali del presente.

Il museo educativo

Pochi posti nel nostro mondo sono più educativi dei musei. Dopotutto, dove altro potremmo sperare di vedere così tanti pezzi di storia reale che raccontano così tante storie sui nostri antenati? Dalle lance preistoriche alle mummie egizie, dalle antiche sculture greche alle armature medievali, dalla prima radio ai primi aerei usati in guerra durante la Prima guerra mondiale, i musei hanno tutto. Purtroppo, ci sono milioni di persone che non ne hanno mai nemmeno visitato uno.

Ci sono molte possibili ragioni per questo: forse pensano che sarebbe noioso solo guardare le cose vecchie, o forse non sono consapevoli di quanto fosse diverso il mondo in passato e non vedono motivo di interessarsi. Qualunque sia la ragione per non sfruttare l’incredibile quantità di conoscenza tangibile offerta dai musei e indipendentemente dall’età, la Giornata dei musei è il momento giusto per investire nell’istruzione nella sua forma più affascinante.

Il Museum Day

Molte persone potrebbero chiedersi perché investirebbero in qualcosa come il Museum Day, quando la tecnologia moderna può dare loro tutte le risposte di cui potrebbero aver bisogno. Bene, per rispondere in modo equo, tutto ciò che devi fare è una piccola ricerca su Google.

Al giorno d’oggi, se hai bisogno di trovare una risposta a qualcosa, puoi sicuramente saltare online e farlo bene? Ebbene, sì, ma quello che devi capire è che la risposta che ottieni è molto probabilmente sbagliata.

Uno studio condotto nel 2016 su quanti dei fatti storici che trovi online erano veri, ha avuto alcuni risultati scioccanti. Sembra che a novembre 2016 oltre il 48% di tutti i fatti storici disponibili online siano imprecisi o addirittura sbagliati. Quindi, tenendo conto di questo, potresti voler posizionare la tua ricerca altrove.

L’istruzione è importante e il Museum day è entusiasmante

La verità è che l’istruzione è importante, quindi giorni come il Museum Day dovrebbero essere qualcosa per cui entusiasmare te stesso e i tuoi giovani; dopotutto, anche se ci saranno bambini che si riempiranno la testa di sciocchezze, tu hai la capacità di riempire i tuoi figli di bontà di conoscenza.

Storia della Giornata dei musei

Il Consiglio internazionale dei musei (ICOM) ha creato la Giornata internazionale dei musei nel 1977. L’organizzazione sceglie un tema diverso per la giornata ogni anno. Alcuni dei temi includono la globalizzazione, i popoli indigeni, il superamento dei divari culturali e la cura dell’ambiente.

Ogni anno dal 1977, tutti i musei del mondo sono invitati a partecipare a questa giornata per promuovere il ruolo dei musei nel mondo, organizzando attività divertenti e gratuite intorno al tema dell’anno.

La Giornata internazionale dei musei è diventata sempre più popolare sin dalla sua creazione, con la Giornata internazionale dei musei 2009 cui hanno partecipato 20.000 musei in oltre 90 paesi. Nel 2019, il numero di musei partecipanti era balzato a 30.000 in 129 paesi.

La storia è qualcosa classificata come cool

Con il passare degli anni, abbiamo avuto la fortuna di vivere in una società in cui mentre la tecnologia sembra voler prendere il sopravvento, ci sono state alcune cose che ora sono considerate interessanti che una volta erano riservate a un target demografico molto obiettivo.

Mentre il numero dei partecipanti stava aumentando lentamente quasi un decennio fa, negli ultimi cinque anni, i numeri stanno aumentando a un ritmo ancora più rapido. Quando guardiamo a questo, potremmo chiederci perché, e la verità è semplice, la storia è ora qualcosa che è classificato come cool.

Sì, potremmo vivere in una società guidata dalla tecnologia, ma sembra che più la tecnologia ha regnato nel mondo, più le persone hanno iniziato a gravitare verso cose che le collegano a un mondo che hanno paura di perdere.

Oggi ci sono più visitatori nei musei in tutto il mondo che mai

Oggi ci sono più visitatori nei musei in tutto il mondo che mai, e più di questo, ora ci sono più persone che studiano storia a livello universitario che in qualsiasi momento storico.

Più andiamo avanti, più abbiamo bisogno di qualcosa che ci aiuti a ricordare dove siamo stati, in questo modo, possiamo intraprendere il viaggio davanti a noi con più fiducia.

Come celebrare la Giornata dei musei

Non c’è modo migliore per celebrare la Giornata dei musei che fare una gita in un museo vicino, da soli, con gli amici o anche con i tuoi figli se ritieni che siano abbastanza grandi da apprezzare il posto. A seconda di dove vivi, i musei a cui potresti essere più vicino potrebbero essere quelli legati a qualsiasi cosa, dall’agricoltura alla moda, dall’astronomia all’archeologia, dall’arte alla storia naturale. Se si scopre che i musei nelle tue immediate vicinanze non sono quelli che ti interessano, forse potresti prendere in considerazione una gita di un giorno in una città vicina per visitare un museo più adatto ai tuoi interessi?

La storia, la storia dell’arte, il museo come esperienza storica locale

Negli ultimi anni a seguito dei numerosi repentini cambiamenti nella società globale, di tipo sociale, culturale, economico, politico, si è cominciato a riflettere – scrive Nicoletta Martini – su come la scuola possa preparare i cittadini del futuro, di quali strumenti fornirli affinché possano affrontare situazioni sempre più instabili ed imprevedibili. Una risposta possibile si è data nella progettazione di un curricolo che miri a fornire competenze per un’autonomia cognitiva ed emotiva tale da consentire una lettura critica della realtà qualunque essa sia. Ci si riferisce in questo senso all’educazione al cambiamento, che non può esimersi dal ritenere l’educazione interculturale parte di questo processo di formazione. L’educazione interculturale deve essere proposta attraverso un nuovo approccio alle discipline, coinvolgendo contenuti, metodi e strategie, tramite le quali promuovere negli studenti il confronto con la varietà dei punti di vista, la decostruzione di stereotipi e pregiudizi, l’analisi critica dei problemi e la costruzione di proposte risolutive.

Tra i curricoli disciplinari il lavoro si può concentrare su quello di storia, con l’obiettivo di esplorare in che modo questa disciplina possa essere affrontata in termini interculturali e quali competenze possa contribuire a sviluppare. Un’attenzione particolare – continua Martini – viene rivolta al rapporto tra il curricolo di storia e il museo come esperienza storica locale, con cui, attraverso la ricerca e la manipolazione di fonti concrete, attivare abilità di ricerca e costruzione di informazioni; sviluppare di capacità critiche; promuovere la consapevolezza di un costante mescolamento tra popoli e di una continua rivalorizzazione delle risorse preesistenti; sostenere la pari dignità tra le civiltà e il senso del rispetto e per il patrimonio culturale di ogni popolo. L’UdA è il miglior strumento che si possa attuare per una giornata eccezionale e ricolma di successi. Quella dell’Ambito territoriale di Treviso, rivolta agli studenti della secondaria, risponde perfettamente alla richiesta di organicità e usabilità.

UDA UNA GIORNATA AL MUSEO

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur