Multe ai genitori tedeschi che portano i figli in vacanza nei giorni di scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In Germania portare i figli in vacanza in un giorno di  scuola può costare caro, con multe fino a 10.000 euro, se non si ha una valida giustificazione.

A comminarle sarà la Polizia stessa che ha ricevuto mandato dalle autorità scolastiche locali a fare controlli sistematici su tutti i bambini che viaggiano, anche accompagnati, nei giorni di frequenza scolastica.

In occasione delle feste scolastiche di Pentecoste, ad esempio, molti in Germania scelgono di attaccare al periodo di vacanza prevista uno o due giorni in più, così da pagare meno la vacanza, in genere molto costosa in quei giorni festivi. Peccato che per la polizia quello di risparmiare sui voli non è un motivo valido per saltare la scuola.

Così 20 famiglie, proprio in occasione delle festività di Pentecoste, sono state interrogate negli aeroporti di Memmingen, Norimberga e Monaco e tenute a presentarsi alle stazioni di polizia locali con una certificazione medica per giustificare l’assenza da scuola. Se non saranno in grado di produrla scatteranno le multe, che cambiano da regione a regione:il Baden-Württemberg, ad esempio, per il mancato rispetto dell’obbligo scolastico prevede pene sino a 10 mila euro, Berlino e Brandeburgo ne chiedono 2.500.

Nel 2013, anche nel Regno Unito i consigli locali hanno previsto per i genitori che fanno saltare la scuola ai figli pene sino a tre mesi di reclusione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione