Movimento sostegno-posto comune stesso grado: non è passaggio di cattedra

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Il docente che desidera passare da sostegno a posto comune nel grado di istruzione di titolarità deve chiedere trasferimento. Si tratta di un movimento della II fase

Una lettrice ci scrive:

“Nella mobilità 2019/20 il passaggio da sostegno a posto comune nello stesso grado di istruzione è da considerarsi un trasferimento o un passaggio di cattedra?”

È un trasferimento, non un passaggio di cattedra

Il movimento da sostegno a posto comune nello stesso grado di istruzione di titolarità è un trasferimento su diversa tipologia di posto.

Questo movimento non può essere un passaggio di cattedra in quanto il sostegno non è una classe di concorso, ma una tipologia di posto e il passaggio di cattedra si chiede per una classe di concorso diversa da quella di titolarità

Il movimento rientra nella II fase della mobilità

Il trasferimento da sostegno a posto comune rientra sempre nella II fase della mobilità, anche se viene disposto nel comune di titolarità.

Nella sequenza operativa indicata nell’allegato 1 del CCNI, dove viene esplicitato l’ordine con il quale vengono disposti i movimenti territoriali e professionali, distinti in I, II e III fase, i trasferimenti da sostegno a posto comune, per docente non beneficiario di precedenze,  vengono sempre disposti successivamente ai trasferimenti per la stessa classe di concorso o per la stessa tipologia di posto

Questi docenti rientrano, infatti, nell’operazione individuata dalla lettera G):

G) trasferimento a domanda nella provincia di titolarità da sostegno a posto comune e da posto comune a posto di sostegno dei docenti senza precedenza anche se il trasferimento è per scuole dello stesso comune

 Tutto sulla Mobilità 2019

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
ads ads