Movimento No Pettine: appello a Napolitano per il bonus nelle Graduatorie ad esaurimento

di Lalla
ipsef

inviato da Alessandra Giammusso – "Decine di migliaia di docenti precari si sono attivati nei mesi scorsi per chiedere il congelamento delle Graduatorie a Esaurimento, o, almeno, il solo aggiornamento senza possibilità di trasferimento da una provincia all’altra, nel rispetto della L. 296/2006, che non è mai stata abolita, nemmeno dalla sentenza 41 della Corte Costituzionale.

inviato da Alessandra Giammusso – "Decine di migliaia di docenti precari si sono attivati nei mesi scorsi per chiedere il congelamento delle Graduatorie a Esaurimento, o, almeno, il solo aggiornamento senza possibilità di trasferimento da una provincia all’altra, nel rispetto della L. 296/2006, che non è mai stata abolita, nemmeno dalla sentenza 41 della Corte Costituzionale.

Decine di migliaia di precari hanno INONDATO il MIUR nella settimana dal 14 al 19 marzo con raccomandate no-pettine;:

Decine di migliaia di precari hanno scritto al Miur e a tutti i Provveditorati d’Italia chiedendo di mettere in mora l’inserimento dei ricorsisti nelle GE.

DECINE DI MIGLIAIA DI PRECARI CHIEDONO ORA, COME ULTIMA SPERANZA
PER POTER PRESERVARE I LORO DIRITTI ACQUISITI
PER NON VANIFICARE ANNI DI SCELTE DI VITA DIFFICILI
PER NON AZZERARE COMPLETAMENTE LE LORO POSSIBILITA’ DI LAVORO

CHE venga approvato l’emendamento al DL sviluppo sul BONUS punti per la permanenza proposto dal Sen. Pittoni. Tale provvedimento non è una soluzione al precariato scolastico nelle sue drammatiche espressioni, ma E’ LA SOLA POSSIBILITA’ PER DECINE DI MIGLIAIA DI DOCENTI DI NON SCOMPARIRE DAL MONDO DELLA SCUOLA.

ED E’ L’ENNESIMA POSSIBILITA’, CHE LA POLITICA NON DEVE SCIUPARE, DI ASCOLTARE LA VOCE DI OLTRE 150MILA DOCENTI CONTRARI ALL’INSERIMENTO A PETTINE.

Chiediamo che il bonus punti venga integrato nel DL e che sia data questa possibilità ai tanti, alle decine di migliaia di precari che HANNO RISPETTATO LE LEGGI VIGENTI E CHE OGGI RISCHIANO DI NON AVERE PIU’ALCUNA POSSIBILITA’ DI CONTINUARE IL LAVORO SCELTO CON TANTA PASSIONE

Versione stampabile
anief
soloformazione