Per Mottola (FLI) TFA speciali prima della consultazione elettorale. Profumo solleciti il provvedimento ancora giacente al CdS

di Lalla
ipsef

Settore Nazionale Scuola FLI – “Nonostante la ridda di notizie che si contraddicono o si annullano a vicenda, io credo che il TFA speciale possa essere approvato prima della consultazione elettorale” – lo ha dichiarato il prof. Giorgio Mottola al termine della riunione del Dipartimento Nazionale Scuola di Futuro e Libertà che ha avuto luogo nella serata di martedì 15 gennaio nel corso della quale sono state esaminate e discusse diverse problematiche che il prossimo esecutivo di governo si troverà ad affrontare nella nascente legislatura.

Settore Nazionale Scuola FLI – “Nonostante la ridda di notizie che si contraddicono o si annullano a vicenda, io credo che il TFA speciale possa essere approvato prima della consultazione elettorale” – lo ha dichiarato il prof. Giorgio Mottola al termine della riunione del Dipartimento Nazionale Scuola di Futuro e Libertà che ha avuto luogo nella serata di martedì 15 gennaio nel corso della quale sono state esaminate e discusse diverse problematiche che il prossimo esecutivo di governo si troverà ad affrontare nella nascente legislatura.

Granata, Di Biagio e Muro, promotori di quell’Odg recepito dal governo nel marzo del 2012 da cui ha preso avvio l’intera procedura del concorso abilitante speciale.“Il Ministro Profumo solleciti l’atto ancora giacente al cds e lo invii alle commissioni parlamentari affinché il provvedimento possa essere approvato prima dell’avvio della prossima legislatura”

“E’ vergognoso–ha aggiunto Granata- che a distanza di oltre 7 mesi dall’avvio dell’iter procedurale, il provvedimento non sia ancora stato sottoposto al vaglio delle commissioni parlamentari che pure lo hanno sollecitato”

“Quel che è peggio– ha sottolineato Di Biagio- è che in questi 7 mesi le parziali informazioni fornite, a pillole, dal MIUR hanno alimentato un clima di confusione e di sospetti che non fa onore né al ministro Profumo né alla scuola italiana”

“Ci saremmo augurati una accelerazione della procedura – ha aggiunto Muro – cosi’ come è stato fatto con quella concorsuale. Il Ministro proceda sulla strada da noi da tempo indicata, dando risposte certe e definitive a quei docenti che vogliono solo veder riconosciute competenze acquisite sul campo a costo di sacrifici e rinunce”

“Per noi – ha concluso Granata- il requisito di accesso resta quello dei 360 giorni cumulati in qualsiasi classe di concorso e che non penalizzi categorie di precari, come gli itp, i docenti del comparto AFAM e quelli di strumento musicale. Non vi sono- signor Ministro- docenti di serie A e di serie B!”

Versione stampabile
anief anief
soloformazione