Morra (M5S): diamo tempo alla ministra Azzolina, restituirà centralità alla Scuola statale italiana

Stampa

Il Presidente della commissione parlamentare antimafia nonché deputato del movimento 5 stelle, Nicola Morra, interviene con un post sulla sua pagina Facebook, declinando nel dettaglio le risorse per 4,6 miliardi alla scuola e in difesa della ministra Azzolina accusata di essere bersaglio di eccessive critiche non giustificate.

4,6 miliardi per la scuola + 1 annunciato da Conte e Azzolina

Per la scuola sono state stanziate risorse ulteriori per un miliardo. Dopo quelle già assegnate poche settimane fa. E cioè:
• 85 milioni nel Decreto Legge “Cura Italia” di cui:

a) 70 mln per tablet e pc ai ragazzi meno abbienti;
b) 5 mln per la formazione docenti;
c) 10 mln per le piattaforme digitali.

• oltre un miliardo di euro previsto nel decreto Legge “Rilancio” di cui:

a) 1 mld per il fondo Covid;
b) 135 mln per le paritarie;
c) 30 mln per l’edilizia;
d) 39 mln per svolgimento Esami maturità in sicurezza;
e) 15 mln per incremento Fondo Nazionale sistema integrato 0-6 anni;
f) 10 mln per supporto al sistema informativo dell’istruzione.

• 1 miliardo circa di Pon (fondi Unione europea) per edilizia leggera, digitale, formazione, supporto amministrativo alle scuole;
• 798 mln sbloccati da inizio anno per edilizia scolastica;
• 332 mln per edilizia in via di sblocco;
• 885 mln per edilizia in via di sblocco per le sole scuole secondarie di II grado.

Morra difende la Azzolina, diamole tempo

Il deputato 5 stelle utilizza il sarcasmo nel sottolineare quanto da soli pochi mesi la ministra Azzolina si sia insediata al M.I. e che naturalmente non è possibile risolvere i problemi strutturali decennali della scuola italiana in poche settimane o riunioni.

Così scrive Morra con un post sulla sua pagina Facebook:

Certo, avrebbe potuto fare di più. La ministra Azzolina avrebbe potuto:

• risolvere tutti i problemi strutturali della scuola statale italiana.
• riformare la didattica e le metodologie d’insegnamento tradizionale proposte ai nostri ragazzi per decenni, in due settimane o poco più.
• recuperare la dovuta attenzione agli studenti ed a tutti gli operatori scolastici nel giro di un incontro al Ministero.
• restituire dignità alla funzione docente ed al servizio scolastico pubblico nel corso di un tavolo tecnico.

Nicola Morra conclude il suo intervento invitando le parti politiche, il mondo dell’informazione, i social ad essere seri. “Diamo tempo al Ministro Lucia Azzolina di dispiegare la sua strategia politica per la scuola e per l’istruzione in generale. Sono convinto che l’attuale ministra dell’Istruzione restituirà alla Scuola Statale la centralità che la Costituzione repubblicana assegna alla stessa”.

Stampa

Personale all’estero: preparati al colloquio!