Monti: “Polemica insegnanti motivata da difesa interessi di breve periodo”

di Lalla
ipsef

red – Il Presidente del Consiglio Monti "La polemica dei giorni scorsi da parte di alcune organizzazioni degli insegnanti nei miei confronti, era fondamentalmente motivata, lo dico serenamente, dalla difesa di interessi di breve periodo"

red – Il Presidente del Consiglio Monti "La polemica dei giorni scorsi da parte di alcune organizzazioni degli insegnanti nei miei confronti, era fondamentalmente motivata, lo dico serenamente, dalla difesa di interessi di breve periodo"

E ha proseguito "Mettersi in discussione e’ alla base di ogni sana evoluzione demografica: tutti devono mettersi in discussione. Gli insegnanti, i professori, sono i nostri maestri, la base prima, insostituibile, per la nostra crescita e del loro impegno quotidiano la nostra societa’ ha assolutamente bisogno. Non c’e’ un ‘noi governo’ e un ‘voi insegnanti-studenti’. Ma lavoriamo tutti per uno stesso obiettivo”.

Tutti vogliamo una scuola piu’ efficiente, piu’ moderna, che sappia rispondere alla sfida del presente. Stiamo lavorando per avere per esempio una scuola digitale anche e soprattutto per le scuole del mezzogiorno”.

Il premier ha così concluso "Sono pronto, assieme al ministro Profumo, ad ascoltare le istanze che vengono dal mondo della scuola, a patto che siano costruttive, disinteressate e senza corporativismi"

Monti e Profumo: "Pronto ad ascoltare il mondo della scuola". E il primo Ministro insiste sul corporativismo

Monti bacchetta i docenti: "indisponibilità a fare due ore in più". Il video. USB: "macchina diffamatoria"

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare