Monfalcone, 60 bimbi fuori dalla scuola dell’infanzia per tetto del 45% di stranieri

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Comune di Monfalcone, in provincia di Gorizia, ha sottoscritto una convenzione con i due istituti comprensivi della città al fine di limitare le classi “ghetto”, ossia quelle classi composte per la maggior parte da alunni stranieri. 

Nella convenzione, come riferisce l’Ansa, è stato fissato un tetto massimo del 45%.

La misura si pone un fine nobile, tuttavia ha creato un problema ossia l’impossibilità di accogliere circa 60 bambini stranieri presso la scuola dell’Infanzia.

Il Sindaco ha dichiarato  di “essere convinta dell’utilità per i bambini di frequentare la scuola materna“, e di essere pronta, come ha già fatto, a mettere a disposizione uno “scuolabus per accompagnare i bimbi nelle scuole dei comuni limitrofi, dove ci sono le classi e i numeri per accoglierli. Mi sono rivolta a sindaci e dirigenti scolastici ma nessuno mi ha risposto“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione