Moige attacca: “I ragazzi hanno terminato la pazienza e i genitori le ferie e i permessi. Inaccettabile tornare alla DaD”

Stampa

“I ragazzi hanno terminato la pazienza, i genitori hanno terminato permessi, ferie e anche la pazienza, hanno dato fin troppo durante la pandemia. E’ inaccettabile far iniziare la scuola con la Dad e vale la pena di ricordare che i ragazzi sono una categoria raramente colpita e poi ora ci sono le cure. Non è più la malattia di due anni fa di cui non si conosceva nulla, ora la conosciamo e la si può combattere”.

Lo ha detto all’Adnkronos Antonio Affinita, direttore generale del Moige in merito al paventato rientro a scuola a settembre ancora in Dad.

Sicuramente ci sono delle responsabilità di natura istituzionale e politiche in merito a trovare delle dinamiche di risposta, trovare delle soluzioni – ha aggiunto Affinita – perché ora è più che mai necessario tornare a scuola in sicurezza e in presenza perché è importante che vengano tenuti in considerazione tutti gli aspetti psicologici di un eventuale prolungamento della Dad“.

Quello psicologico è un aspetto che non può essere trascurato, la Dad e il lockdown hanno portato a situazioni di anoressia, depressione e altri disagi psicologici che non possiamo trascurare e noi stiamo anche lavorando a progetti di supporto per i ragazzi e per i genitori proprio per affrontare questi problemi – ha concluso Affinita – Credo che le istituzioni preposte, scientifiche e politiche, debbano compiere una valutazione non solo virologica o scientifica ma una valutazione omnicomprensiva di tutti gli aspetti che un rientro a scuola ancora in Dad possa comportare: ora serve la presenza in classe per tutti e, vorrei sottolineare, senza discriminazione di chi ha fatto o non ha fatto il vaccino“.

Riapertura scuole, Bianchi insiste: “Obiettivo è tornare in presenza. Chiederemo al Cts di considerare le vaccinazioni”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur