MOF 2017/18, la Gilda non ha firmato l’Ipotesi di CCNI. Ecco perché

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Gilda – La delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti non ha siglato l’ipotesi di CCNI sulla distribuzione del MOF 2017/2018.

“Ci siamo rifiutati di firmare – spiega Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della FGU-Gilda degli Insegnanti – perché prevede la riduzione dei fondi per i corsi di recupero, come già è avvenuto negli anni scorsi, e il riutilizzo delle risorse per la pratica sportiva le quali generano economie impiegate poi per coprire spese per attività diverse che, invece, dovrebbero rientrare in altri capitoli di bilancio”.

A motivare la decisione di non firmare l’ipotesi di CCNI ha contribuito anche la bocciatura, in fase di contrattazione, della proposta della FGU-Gilda di ampliare l’utilizzo dei fondi della pratica sportiva a tutta la progettazione relativa all’attività motoria, in particolare per gli alunni disabili, in tutti gli ordini e gradi di scuola.

Ora il testo dell’ipotesi di CCNI dovrà passare tutto l’iter della certificazione degli organi di controllo prima della firma definitiva, dopo la quale sarà possibile assegnare le somme alle scuole.

Roma, 1 agosto 2017

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione