Mobilità: valutare servizio effettivo ruolo e non ruolo e valorizzare Laurea in SFP. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Gentile Ministro sono un’insegnante della scuola primaria in ruolo su sostegno a Reggio Emilia dal 2011.

Sono laureata in Scienze della formazione primaria e specializzata nel sostegno dal 2002. Titolo che mi ha permesso di lavorare nella provincia di Palermo fino al 2011 è in seguito in ruolo nell’Emilia Romagna. Purtroppo non ho partecipato per situazioni personali alla mobilità straordinaria del 2016 ed in seguito alla valutazione del preruolo come il ruolo scavalcata da tantissima gente che non ha neanche la laurea e non ha svolto ( grazie alle deroghe sul sostegno e alle assegnazioni provvisorie) neanche un giorno lontano dalla propria terra).

Le chiedo di rivedere la valutazione del servizio per la mobilità interprovinciale considerando gli anni effettivi di ruolo e non ruolo svolto lontano dalla terra di origine. Riconoscere alla laurea in Scienze della formazione primaria una valutazione superiore rispetto al diploma ed altre lauree poiché titolo specifico ed abilitante. Si tenga conto che chi ha conseguito la laurea senza il diploma magistrale e in seguito in ruolo non ha potuto partecipare ai concorsi per la primaria e pertanto preclusa la possibilità di conseguire il punteggio per l’abilitazione ( cosa che i diplomati hanno sfoderato nella mobilità interprovinciale come la spada contro i poveri laureati che non l’avevano ) si fa presente inoltre che la laurea ha un valore importante nelle GAE ma lo perde subito dopo nella valutazione dei titoli per la mobilità interprovinciale.

Probabilmente questa lettera semplice passerà inosservata o nel cestino. Spero che arrivi almeno vicino a chi è sensibile a questa tematica e mi possa rispondere in modo corretto dandomi un filo di speranza per continuare a credere nella meritocrazia e nella legalità per la scuola. Non chiedo privilegi. Chiedo di poter concorrere alla pari con chi come me sogna di ritornare nella propria terra.

Giuseppina Mazzola

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare