Mobilità: trasferimento da diurno a serale, da sostegno a posto comune e continuità, perdente posto e domanda interprovinciale

WhatsApp
Telegram

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Trasferimento da sostegno a posto comune nella stessa scuola: cambia tipologia di posto di titolarità e si perde la continuità

Francesca  – Sono docente di scuola dell’infanzia. Scrivo per chiedere una delucidazione sul punteggio della graduatoria interna d’istituto. Dopo 5 anni di servizio di ruolo su posto di sostegno sono passata su posto comune sempre nello stesso istituto comprensivo. In questo caso perdo la continuità dei 5 anni del sostegno? La ringrazio per la risposta. Cordiali saluti

Mobilità da diurno a serale dello stesso Istituto di Istruzione Superiore (IIS): chiarimenti

F.C. – Sono una docente di ruolo con titolarità in un istituto di Bologna. Quest’anno, anche con l’accordo della preside, ho fatto domanda per gli altri due Istituti del serale, facenti parte della stessa struttura del primo.  Mi potrebbero accettare la domanda? E se dovessero rifiutarla potrei chiedere l’assegnazione provvisoria negli Istituti serali cui ho accennato prima? Sembra che per il prossimo anno debbano avere un unico codice meccanografico. La domanda che mi preme fare è la seguente: se passo in uno di questi istituti serali, chiedendo l’assegnazione provvisoria, la titolarità che avevo in quello diurno, rimane o potrei perderla? La prego di rispondermi a questa domanda che ha cominciato a mettermi in ansia. Grazie in anticipo.

Perdente posto che ha già presentato domanda interprovinciale. Cosa conviene fare?

Marcella – ti scrivo perché ho bisogno di qualche chiarimento sulla domanda condizionata per soprannumerari. Io sono perdente posto, lavoro in una scuola in provincia di Como, ma sono siciliana e ho fatto domanda di mobilità. Mio desiderio è tornare in Sicilia, anche se con il mio punteggio sarà difficile. Però se resto qui vorrei mantenere il diritto di tornare nella scuola dove sto insegnando.  Dai link letti non mi è chiaro come comportarmi. All’AT di Como mi hanno consigliato di barrare la casella no alla domanda ” il docente soprannumerario intende comunque partecipare al movimento a domanda?”Ma così non mi brucio anche quell’unica possibilità che ho di rientrare in Sicilia? Io ovviamente sono titolare di ambito e dopo 10 preferenze siciliane ho indicato l’istituto dove lavoro e altri quattro vicini. Quale scelta prevale?

Chiedilo a Lalla

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito