Mobilità: trasferimento a domanda condizionata su sostegno, trasferimento d’ufficio. Consulenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Docente trasferito a domanda condizionata da posto comune a sostegno: non è soggetto al vincolo quinquennale

Francesco – Sono un insegnante di scuola primaria posto comune (entrato di ruolo su sostegno nel 2010). Quest’anno sono risultato perdente posto e ho dovuto fare domanda condizionata di trasferimento. Nel fare domanda condizionata ho inserito anche la possibilità di essere chiamato su sostegno(in quanto possiedo la specializzazione). Dalla mobilità è emerso che ora sono titolare su posto di sostegno in altra scuola. Le mie domanda sono queste: posso chiedere utilizzazione nella mia vecchia scuola? Se sì, su posto di sostegno o comune o entrambe? Inoltre il prossimo anno posso chiedere trasferimento su posto comune oppure devo ripetere nuovamente il vincolo dei 3 anni?
Grazie mille ti auguro una buona giornata.

Trasferimento d’ufficio: con quali criteri viene disposta l’assegnazione della scuola di titolarità?

Maria – Ho bisogno di un chiarimento in merito al trattamento dei soprannumerari trasferiti d’ufficio:  spetta a loro l’assegnazione della sede  prima dei trasferimenti a domanda volontaria,  ma  verrà assegnata loro la prima sede libera più vicina a quella di titolarità ( come sarebbe auspicabile) o la prima sede libera partendo dalla prima scuola dell’ambito ( in questo caso molto distante dalla sede di titolarità)?

Chiedilo a Lalla

 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione