Mobilità su tutti i posti vacanti, piano assunzione regionale Gae infanzia, 400 euro rimborso per insegnanti fuori sede. Emendamenti Sen. Drago (M5S)

di redazione

item-thumbnail

Scuola, pacchetto di emendamenti della senatrice Drago (M5S): “Tutele per i docenti fuori dalle loro Regioni, precari e sostegno agli alunni con DSA”

La senatrice del Movimento Cinque Stelle Tiziana Drago (M5S) ha presentato un pacchetto di emendamenti a sostegno dei docenti fuorisede, dei docenti precari, degli alunni con disturbi specifici per l’apprendimento e per tutelare la qualità dell’offerta didattica.

“La scuola e la tutela del suo personale e degli alunni sono le urgenze del Paese che camminano di pari passo con la necessità della ripresa economica. Per questa ragione ho presentato, dopo un confronto con docenti, dirigenti scolastici e famiglie, una serie di emendamenti migliorativi al testo presentato dal governo”.

Per quanto concerne il personale docente la senatrice ha presentato un emendamento per fare in modo che la mobilità interprovinciale del personale docente per il prossimo anno scolastico venga  effettuata su tutti i posti disponibili dell’organico dell’autonomia, destinando, i posti che residueranno dalle operazioni di mobilità alle nuove assunzioni (stabilizzazioni in primis).

“Con questa proposta – spiega Drago – intendiamo tutelare il personale docente costretto a trasferimenti interregionali e interprovinciali, non auspicabili nella situazione attuale di emergenza sanitaria. La norma favorisce i docenti allo svolgimento dell’attività didattica nei pressi della propria residenza e qualora ciò non venisse assicurato abbiamo chiesto che sia il Ministero dell’Istruzione a garantire un rimborso pari a 400 euro mensili per ogni docente a titolo di rimborso per vitto, alloggio, trasporto.

Inoltre per quanto riguarda il personale docente precario, iscritto alle Gae, ho chiesto l’attivazione di un Piano d’Assunzione Regionale, nella scuola dell’infanzia, per favorire l’esaurimento delle graduatorie”.

Sul versante degli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento la senatrice ha prospettato un aumento delle risorse economiche disponibili: “Ho chiesto di aumentare da 70 a 120 milioni di euro i fondi per tutelare il diritto allo studio di studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento e altri bisogni educativi speciali per dar loro la possibilità di avere assicurata l’offerta didattico-formativa e sostenere le famiglie”.

“Inoltre – prosegue la senatrice – al fine di potenziare l’offerta formativa, il tempo scuola e le cattedre disponibili, e tenuto conto del fatto che i servizi di ristorazione scolastica sono parte integrante delle attività formative ed educative erogate dalle istituzioni scolastiche, all’interno delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia ho chiesto che venga destinato il 6% del contributo annuo di 75 milioni stanziati per il fondo sviluppo e coesione sociale e programmazione 2014-2022, per l’implementazione delle mense scolastiche nelle scuole per l’infanzia, circoli didattici, istituti comprensivi che ne risultino sprovvisti”.

Infine altri due emendamenti hanno riguardato la figura del middle manager e le scuole paritarie.

“Il middle manager è una figura che può svolgere, con l’esonero dall’insegnamento, funzioni di supporto all’attività del dirigente scolastico. Possono essere reclutati su selezione interna all’istituzione scolastica per titoli ed esami. In tal modo le cattedre che si andrebbero a liberare potrebbero essere coperte da altri docenti, in modo da aumentare la possibilità di ricavare posti disponibili per dare il giusto riconoscimento ai tanti precari. Si permetterebbe, altresì, anche una carriera lavorativa, oggi, assente nella scuola italiana”.

“Per quanto concerne le scuole paritarie, alla luce della pandemia in atto, è stato proposto, per assicurare la qualità e la continuità del servziio scolastico offerto lo sconto sino a fine anno dell’ottanta per cento del costo delle rette, assicurando agli istituti  una compensazione  fiscale e contributiva dei crediti per un ammontare equivalente all’importo dello sconto applicato. In tal modo si aiuterebbero le famiglie, le scuole ed il Ministero con una operazione a costo zero”, ha concluso la senatrice

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione