Mobilità su sostegno. Per i giudici ok al preruolo, facciamolo valere per tutti nel Contratto 2017/18

Stampa

Gentile Redazione, il gruppo Sostegno doc, composto da quasi 7000 docenti, accoglie con soddisfazione le tantissime sentenze favorevoli per quanto concerne il riconoscimento del servizio preruolo prestato sul sostegno ai fini del vincolo quinquennale.

Taranto, Forlì, Ravenna, Bologna, Verona, Treviso, Udine, Roma, Napoli e tanti altri giudici di tante altre province hanno riconosciuto tale servizio e permesso la mobilità da posto di sostegno a posto comune ad altrettanti docenti.

Sono tantissimi ancora i ricorsi in atto e scontate le sentenze favorevoli.

In vista del prossimo CCNI 2017/18 di mobilità auspichiamo che tale servizio sia riconosciuto direttamente in contratto e per tale motivo ci rivolgiamo alle OOSS e al MIUR. In caso contrario saremo costretti a continuare i procedimenti giudiziari, con spese a carico del MIUR, come già sancito dai vari tribunali e sopratutto con evidente disparità tra i ricorrenti e i non ricorrenti.

Nel frattempo invitiamo tutti i docenti di sostegno a farsi carico di tale problematica, a sollecitare le OOSS e i vertici del MIUR, e a perseguire le vie legali laddove tale diritto, sancito da tantissime sentenze, non fosse ancora accolto in contratto.

Il gruppo Sostegno doc continuerà questa battaglia con la solita professionalità e coerenza, ed è pronto a qualsiasi dialogo in merito.

Gruppo Sostegno doc

6800 docenti

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur