Mobilità straordinaria, prorogare termini in deroga al vincolo di permanenza nella provincia anche per il 2021/22

Stampa

Dichiarato inammissibile, ma poi ripescato, l’emendamento di Fratelli d’Italia sulla mobilità straordinaria, che si aggiunge a quello presentato da Popolo Protagonista.

Dopo l’articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.
(Mobilità straordinaria)

   1. In riferimento alle previsioni di cui all’articolo 1, comma 108, della legge 13 luglio 2015, n. 107, sono prorogati per l’anno scolastico 2021/2022 i termini per la mobilità straordinaria per tutti gli ambiti territoriali a livello nazionale, per tutto il personale docente di ruolo, in deroga al vincolo di permanenza nella provincia, di cui all’articolo 399, comma 3, del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni, su tutti i posti vacanti e disponibili, anche in organico di fatto.


Dopo l’articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.

  1. Considerata la situazione di emergenza di diffusione epidemiologica da COVID-19 si dispone, con ordinanza del Ministro dell’istruzione da emanare entro 30 giorni dall’entrata in vigore della presente legge di conversione, la riapertura dei termini di mobilità in deroga interregionale, interprovinciale e intercompartimentale destinando ad essa, annualmente, il 100 per cento delle cattedre disponibili, di cui all’articolo 3, comma 5, del CCNI mobilità personale docente, educativo e ATA triennio 2019/2020, 2020/2021, 2021/2022 del 6 marzo 2019, per la mobilità del personale docente in ruolo. Il 100 per cento del residuo è destinato ai vincitori di concorso alla data odierna.

5.05.   Rospi.

Drago: “Riaprire i termini di mobilità in deroga destinando il 100% delle cattedre disponibili”. TESTO emendamento

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata