Mobilità professionale nei licei musicali: può fare domanda anche il docente in anno di prova

di Giovanna Onnis
ipsef

item-thumbnail

La mobilità professionale comprende due tipologie di movimenti, il passaggio di cattedra e il passaggio di ruolo.

Il passaggio di cattedra è un movimento verso un’altra classe di concorso del grado di istruzione di titolarità.

Il passaggio di ruolo è un movimento verso un altro ordine o grado di istruzione.

Questi movimenti sono disciplinati nell’art.4 del CCNI sulla mobilità dove, nel comma 1, vengono indicati i requisiti necessari per partecipare.

Ne succitato articolo si chiarisce, infatti, che sarà possibile presentare domanda di mobilità professionale ai docenti che, al momento della presentazione della domanda, hanno superato il periodo di prova e sono in possesso della specifica abilitazione per il passaggio al ruolo richiesto ovvero, per quanto riguarda i passaggi di cattedra, della specifica abilitazione alla classe di concorso richiesta.

REQUISITI

L’unica eccezione relativamente all’obbligo di aver superato l’anno di prova per poter chiedere passaggio di ruolo o passaggio di cattedra, riguarda i docenti che, avendo i titoli e i requisiti necessari, chiedono di partecipare alla mobilità professionale per i Licei musicali.

Come esplicitato nel comma 11, infatti, “Il personale in possesso dei requisiti di cui ai commi 9 e 10 può chiedere il passaggio anche in attesa della conferma in ruolo”.

Gli specifici requisiti necessari per usufruire di questa opportunità, sono, quindi, indicati nei commi 9 e 10 del succitato art.4, dove viene esplicitato con quale ordine vengono disposti i movimenti in relazione ai titoli e ai requisiti dei docenti coinvolti.

ORDINE DEI MOVIMENTI

La mobilità professionale, sia di cattedra che di ruolo, sui posti degli insegnamenti specifici dei Licei musicali, avviene secondo le seguenti priorità:

a) il personale che ha insegnato per almeno dieci anni continuativi nella specifica disciplina nei soli istituti dove erano già attivate le sperimentazioni di ordinamento di Liceo musicale (nota MIUR 8822/14) ha la precedenza su tutti gli aspiranti ai fini del passaggio nella sola sede di attuale servizio.

In questo caso valgono, ai fini della graduazione di detto personale, i titoli previsti nella Tabella di valutazione, tabella B inserita nell’Allegato 2 , valida per la mobilità professionale

b) successivamente ha diritto alla precedenza, ai fini del passaggio nella sola sede di attuale servizio, il personale che ha insegnato, nella specifica disciplina e nella medesima sede dei Licei musicali istituiti a partire dall’ anno scolastico 2010/11, graduato in base al numero degli anni di effettivo servizio e, in caso di uguale numero di anni, secondo le tabelle di cui all’allegato 2 – mobilità professionale.

Ciascun ufficio scolastico territoriale provvederà autonomamente a definire le rispettive graduatorie provinciali per ciascuna classe di concorso. Tali graduatorie, anche in caso di concorrenza di più aspiranti, saranno utilizzate ai fini dell’individuazione degli aventi titolo da confermare nella sede di servizio.

Il restante personale aspirante al passaggio di cattedra o di ruolo, come chiarisce il comma 10, viene successivamente graduato ai fini del passaggio sulla base degli anni di effettivo servizio nei licei musicali e, in caso di concorrenza, in base ai titoli previsti dalla Tabella B dell’Allegato2 del CCNI sulla mobilità. Può essere richiesto il passaggio verso i posti di un solo Liceo musicale, anche di diversa provincia.

Si chiarisce che, in ogni caso, per la valutazione del servizio si considerano gli anni di effettivo servizio prestato per almeno 180 giorni

SEDI DISPONIBILI

Per quanto riguarda le sedi disponibili, l’art.8 comma 12 del CCNI chiarisce che per la mobilità professionale verso i posti delle nuove classi di concorso dei Licei musicali, sono riservati il cinquanta per cento di tutti i posti interi vacanti e disponibili. In caso di posto unico o resto dispari il posto residuo viene assegnato alla mobilità professionale.

Tutto sulla mobilità

Versione stampabile
anief anief
soloformazione