Mobilità, poche cattedre al Sud: solo 46 docenti sono riusciti a rientrare a Salerno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il desiderio di molti insegnanti di Salerno che hanno accettato di insegnare nel Nord Italia di rientrare verso il Meridione si è scontrato (e infranto) con il calo demografico. 

E’ quanto riporta il Mattino di Salerno, dove si legge che nelle primarie, solo una maestra su sei è riuscita a ottenere il trasferimento. Fra asilo ed elementari, sono 110 i perdenti posto a cui vanno aggiunti gli 86 esuberi nelle medie.

A tamponare la situazione, come spiega il provveditore agli Studi, Paolo Simia, sono stati i 260 posti in organico emersi “a chiusura di inserimento anagrafico delle iscrizioni” e rinvia al 10 giugno per avere un quadro più esaustivo della situazione.

Il Provveditore ha poi tracciato una mappa dettagliata dei docenti salernitani in forza nelle scuole di  altre Regioni, spiegando che soltanto per 46 la mobilità interprovinciale è andata a buon fine.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione