Mobilità, percentuali trasferimenti e ruoli potrebbero cambiare nel triennio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mobilità insegnanti: uno dei punti più importanti da discutere è la percentuale dei posti da destinare ai trasferimenti e alle assunzioni dei precari. 

Mobilità: percentuali potrebbero variare nel triennio

Il contratto mobilità che Miur e sindacati vogliono siglare entro la pausa natalizia avrà durata triennale, pertanto è allo studio l’ipotesi di poter variare nel corso del triennio le percentuali, in modo da venire incontro alle esigenze di tutte le parti in causa.

La previsione di trasferimento o ruolo, in questo caso, non dovrebbe più essere limitata all’anno successivo, ma al triennio di validità del contratto.

Ancora presto per capire come si chiuderà la partita.

Tra l’altro resta ancora in piedi la proposta del Ministero di limitare del 50%  i trasferimenti provinciali da posto di sostegno a cattedra. Ma anche questa, al momento, è solo una proposta.

Data unica per i trasferimenti

Un’altra novità potrebbe essere quella di individuare una data unica per i trasferimenti di tutti gli ordini di scuola. Questo permetterebbe di accorciare i tempi (Bussetti vorrebbe chiudere anche le immissioni in ruolo a fine luglio) e di avere a disposizione tutti i posti disponibili.  Mobilità 2019, più docenti otterranno il trasferimento. Ecco come

Il prossimo incontro sulla mobilità si svolgerà martedì 4 dicembre.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione