Mobilità. Non equiparate servizio di ruolo a quello da precario: sarebbe un’ingiustizia. Lettera

WhatsApp
Telegram

L’equiparazione del punteggio del servizio preruolo a quello prestato in ruolo per la mobilità 2017/2018 danneggia ingiustamente i docenti che sono entrati in ruolo per merito, essendo vincitori di concorso, senza finire nel girone infernale del precariato e quelli che si sono trasferiti, con grande sacrificio lontani da casa, in province con graduatorie meno affollate accorciando i tempi di entrata in ruolo.

Si ritiene giusto quindi ristabilire un punteggio superiore per il servizio prestato in ruolo rispetto a quello non di ruolo tenendo conto che le due fattispecie di lavoro pur avendo pari dignità, si basano su presipposti di merito differenti.

Paola Cecconi

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro