Mobilità. L’algoritmo ha funzionato? Sì, pochi gli errori, ma i posti liberi sono al nord

Stampa

Videoforum di Repubblica.it. Il Ministro Giannini risponde alle domande sulla mobilità.

Il giornalita Corrado Zunino mette al corrente, se ce ne fosse bisogno, che tanti docenti – esasperati dai risultati della mobilità – esprimono il pensiero secondo cui preferirebbero ancora essere precari ma almeno nella propria terra anzichè in ruolo a migliaia di kilometri di distanza dalle proprie famiglie.

E’ l’argomento di questa estate, i trasferimenti dei docenti di ruolo, accompagnato dalle polemiche sul malfunzionamento dell’algoritmo che ha “comandato” la mobilità con numeri imponenti. I sindacati avevano richiesto, già all’indomani degli esiti per la scuola primaria, di rifare le operazioni.

Il Ministero invece ha fatto appello a quanto sottoscritto nel contratto firmato con i sindacati e ha operato con le conciliazioni, offrendo ai docenti una cattedra quanto più possibile migliorativa rispetto alla prima destinazione.

I numeri, assicura il Ministro, sono molto bassi. Solo per 2.500, i casi segnalati sono stati il 2.5%?

Può essere considerato un dato anomalo? Secondo il Ministro no.

La macchina ha fatto quello che doveva fare, il problema è che i posti sono al nord e le graduatorie più piene invece erano al sud. Semplice.

Giorno 15 settembre comunque il Ministero dovrà consegnare al sindacato Gilda il famoso algoritmo finora tenuto segreto.

Mobilità: il 15 settembre conosceremo finalmente l’algoritmo. Gilda ottiene accesso agli atti

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese